Btp future: supporto di breve termine a 150,75 punti - MilanoFinanza.it

Btp future: supporto di breve termine a 150,75 punti - MilanoFinanza.it
Milano Finanza ECONOMIA

Il quadro tecnico rimane ancora contrastato: prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà pertanto necessaria un’adeguata fase riaccumulativa.

Nella seduta di venerdì il Btp future (scadenza marzo 2021) ha compiuto un veloce recupero che si è arrestato a ridosso dei 151,50 punti.

Difficile per adesso ipotizzare il ritorno sopra i 153 punti.

Negativa una discesa sotto 150,75 in quanto può innescare un’ulteriore flessione, con un primo target in area 150,50-150,45 e un secondo obiettivo attorno a quota 150,20. (Milano Finanza)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Strumenti finanziari che integrano analisi finanziaria tradizionale e i fattori ESG (Environmental, Social, Governance). Forse una delle possibilità giunge dai Fondi green. (FX Empire Italy)

Il Draghi Effect, insomma, ci sarebbe ancora, dopo essere stato immediato, facendo scendere lo spread, nell’arco di poche sessioni, sotto quota 100. Francoforte sarà costretta stavolta ad agire per prevenire che il vento della reflazione Usa, o dei timori a essa legati, finisca per danneggiare anche l’area euro? (Finanzaonline.com)

Accedi per vedere di più. Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità di Gooruf, quali avere un feed personalizzato e la possibilità di interagire con gli altri utenti, accedi al tuo profilo o creane uno nuovo (Gooruf)

La corsa dei metalli industriali affonda i bond, rendimenti tedeschi ai massimi da 9 mesi

Quindi, il tesoro italiano potrà aspettare che il mercato si stabilizzi prima di testare l’appetito per un bond matusalemme Anche l’Argentina nel 2017 aveva emesso due miliardi di dollari di bond matusalemme (con una cedola del 7%). (La Stampa)

Asta BTp, Draghi attira capitali per 134 miliardi su scadenza fissa a 10 anni e cedola variabile a 30 anni. [email protected] A parità di spread, si troverebbero oggi in area 0,90% sul tratto a 10 anni. (InvestireOggi.it)

Esso finisce inevitabilmente per impattare sulle aspettative d’inflazione, come testimonia il balzo del “breakeven” a 5 anni negli USA, ai massimi dal settembre 2012 Per capirlo, basterebbe guardare un solo grafico, quello che riassume l’andamento dei prezzi dei metalli industriali. (InvestireOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr