A Wall Street non si fermano i sell, dopo tonfo vigilia futures Dow Jones -400, Nasdaq -1%

Finanzaonline.com ECONOMIA

Per il Dow Jones si è trattato del crollo più forte dal giugno del 2020; stessa cosa per lo S&P 500.

Lo S&P 500 ha sofferto un tonfo del 4,04% a 4.923,68, mentre il Nasdaq Composite è precipitato del 4,73% a 11,418.15.

Alle 13 circa ora italiana, i futures sul Dow Jones scendono fino a -400 punti (1,09%) a 31.114; i futures sullo S&P 500 arretrano dell'1,06% a 3.882, mentre quelli sul Nasdaq scivolano dell'1,08% a 11.806. (Finanzaonline.com)

Ne parlano anche altri giornali

Lo S&P 500 e il Nasdaq sono orientati a chiudere la settima settimana consecutiva in ribasso, con lo S&P 500 in flessione del 19% rispetto al precedente record testato agli inizi di gennaio. Il Dow Jones si appresta a concludere la settimana in flessione del 2,8%, con un trend negativo per l'ottava settimana consecutiva, la fase ribassista più lunga dal 1932. (Finanzaonline.com)

L’indice Dow Jones dei titoli industriali DJ Industriali ha chiuso l’ultima seduta della settimana praticamente invariato con un guadagno dello 0,03% a 31.261,90. Allo stesso tempo, ci sono indicazioni che la crescita economica potrebbe vacillare nelle principali economie globali. (Agenzia askanews)

Positivo il(+0,96%); con analoga direzione, in denaro l'(+0,96%). 59,7 punti)15:45: PMI servizi (preced (Borsa Italiana)

Lo S&P 500 avanza dello 0,74% a 3.928, mentre il Nasdaq mette a segno un progresso dello 0,90% a 11.484. Ieri lo S&P 500 è sceso dello 0,58% a 3.900,79, mentre il Dow Jones Industrial Average ha perso 236,94 punti (-0,75%), 31. (Finanzaonline.com)

Dopo il rimbalzo di giovedì 12, seguito dal rally di venerdì 13 e dal rialzo di martedì 17, il mercato era molto eccitato. Un nuovo deludente report emesso da parte di un gigante del commercio al dettaglio è stato troppo da gestire per il mercato ieri. (Investing.com Italia)

Alle 13 CEST, i salgono di 280 punti, o dello 0,9%, i vanno su di 42 punti, o dell’1,1%, ed i sono in salita di 175 punti, o dell’1,5%. Questa mattina la banca centrale cinese ha tagliato il di 15 punti base, tentando di stimolare la seconda economia mondiale nonché importante partner commerciale. (Investing.com Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr