Covid Germania, Merkel avverte i tedeschi: “State a casa”

Covid Germania, Merkel avverte i tedeschi: “State a casa”
Vesuvius.it Vesuvius.it (Esteri)

Andiamo a vedere le parole di Angela Merkel durante il suo discorso ai tedeschi.

Si aggrava la situazione Covid-19 in Germania.

La situazione Covid-19 in Germania si sta aggravando sempre di più.

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, stamattina ha invitato il popolo a restare a casa.

POTREBBE INTERESSARTI > > > Brasile, giovane prete ucciso e bruciato: 22enne si costituisce. Covid Germania, Angela Merkel: “Evitare spostamenti non necessari”. (Vesuvius.it)

Su altri giornali

In termini relativi, la crescita per il secondo giorno consecutivo è dell’1,1%. Austria – Nuovo record di casi giornalieri. (Il Fatto Quotidiano)

Il precedente record, registrato alla fine di marzo, era di 6.300 nuove infezioni nell'arco di 24 ore. Il numero di casi è aumentato di 14.922 nelle ultime 24 ore contro i 15.150 del giorno precedente. (Leggo.it)

Registrati. Accedi tramite la tua email: Per favore, correggere i seguenti errori di input: dummy Email * Password * Ricordami Entra Non ricordi la tua login e/o la password? La registrazione è gratuita e ti consente la lettura di n. (Il Manifesto)

Covid, Merkel ai tedeschi: «State a casa, siamo in una fase molto grave: il nostro Natale si decide in questi giorni»

Per favore quand’è possibile rimanete a casa, al vostro domicilio" (IL LIVEBLOG SUL CORONAVIRUS - LO SPECIALE). Stando ai dati del Robert Koch Institut, il centro epidemiologico tedesco, oggi si sono registrati in Germania 7.830 nuovi contagi da coronavirus. (Sky Tg24 )

Poco fa, in occasione del suo consueto intervento alla Germania, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha parlato alla nazione, chiedendo collaborazione da parte di tutti. (Inews24)

Il precedente record, registrato alla fine di marzo, era di 6.300 nuove infezioni nell'arco di 24 ore. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati in Ucraina 6.410 nuovi contagi, rispetto al precedente dato di 5.992 casi registrato venerdì. (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr