Vaticano non va denunciato per i preti pedofili/ Corte Europea, cosa dice la sentenza

Vaticano non va denunciato per i preti pedofili/ Corte Europea, cosa dice la sentenza
Altri dettagli:
Il Sussidiario.net ESTERI

Dal 2011 i 24 denuncianti avevano citato in giudizio, con richiesta di risarcimento, i vertici della Chiesa in Belgio, le associazioni cattoliche e il Vaticano in quanto ente statale.

La vera sentenza, per esteso e in maniera completa, aggiunge un dettaglio non da poco: «la Santa Sede non può essere chiamata in giudizio per i casi di abusi sessuali commessi dai sacerdoti di vari Paesi».

. (Il Sussidiario.net)

Ne parlano anche altre fonti

Inoltre la Corte ha affermato che la cattiva condotta dei preti e dei loro superiori non può essere attribuita alla Santa Sede. In pratica la Corte europea ha respinto una causa intentata da due dozzine di persone in una sorta di class action di vittime delle pedofilia. (StatoQuotidiano.it)

Ma anche in questo caso la responsabilità non può essere attribuita al Vaticano L’immunità giurisdizionale del Vaticano. La decisione di Strasburgo specifica chiaramente il fatto che la Santa Sede gode dell'immunità sovrana e che nessuna eccezione può essere applicata a questa regola, nemmeno se la cattiva condotta dei vescovi nella gestione dei casi di abuso è palese. (Fanpage.it)

Anche perché arriva pochi giorni dopo la pubblicazione dei lavori della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa in Francia La Cedu, infatti, ha riconosciuto alla Santa sede un’immunità che ritiene rinvenibile nel diritto internazionale. (L'HuffPost)

Pedofilia: Corte europea nega diritto denunciare Vaticano

Posiziona il player nel punto in cui vuoi avviare la selezione e poi premi la spunta di Inizia. Condividi. Inizia. Puoi selezionare il secondo di avvio del contenuto che vuoi condividere. (Radio Radicale)

L’immunità della Santa Sede. Secondo la Cedu, in virtù dei “principi di diritto internazionale” la Santa Sede risulta “immune” alle querele. In sostanza il Vaticano gode di immunità e soprattutto non può essere ritenuto responsabile della condotta errata di parte di suoi componenti, come i sacerdoti. (The Italian Times)

Lo ha stabilito la Corte Corte europea dei Diritti dell'uomo (Cedu) di Strasburgo, che oggi (12 ottobre) ha rigettato 24 querelanti che avevano citato in giudizio senza successo il Vaticano dinanzi ai tribunali belgi per atti di pedofilia commessi da preti cattolici. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr