CorSera – Inter, Lukaku è il sole. La 9° sinfonia vale mezzo scudetto ma il torto…

fcinter1908 SPORT

Conte è costretto a cambiare la difesa dopo sette partite in cui i nerazzurri hanno subito solo tre gol

Così il Corriere della Sera definisce il successo dell'Inter al Bologna firmato da Romelu Lukaku.

Questo è il decimo gol dopo una sosta nei due anni interisti.

Lo fa con un filo di gas e grazie al solito Lukaku che trasforma in oro, cioè in gol, la prima occasione di una partita in cui si accontenta del minimo sindacale. (fcinter1908)

La notizia riportata su altri media

Il tecnico ragiona sul possibile assetto difensivo, anche perché il sostituto naturale Kolarov non ha ancora recuperato del tutto dall'affaticamento:. "Possibile dunque il reinserimento in formazione di De Vrij, rientrato dopo la positività al Covid, ma questa volta sul centro-sinistra con Ranocchia confermato al centro del terzetto difensivo. (fcinter1908)

Nell’ultimo periodo l’interessamento per il centrale belga, è arrivato forte, da parte del Barcellona di Joan Laporta. Romelu Lukaku sempre più oggetto del desiderio di numerose squadre europee. (Calciopolis)

Dopo sette partite consecutive e solamente tre gol subiti con l’olandese, Skriniar e Bstoni in campo, infatti, la porta resta inviolata anche con Ranocchia al centro della retroguardia. (fcinter1908)

Inter, non solo lo scudetto: ecco chi in questo finale si gioca la conferma

Quello che sarebbe il 19° titolo per la squadra milanese è dunque poco più che una formalità, mentre l'impresa per le altre contendenti si fa pressoché impossibile. L'Inter supera fuori casa il Bologna e, con 9 partite ancora da giocare, lo Scudetto per i nerazzurri è praticamente cosa fatta. (Fcinternews.it)

Il tecnico è molto felice ad Appiano Gentile, ed ha anche un rapporto con i calciatori definito “speciale”. L’obiettivo non è solo quello di confermarsi in Italia, ma anche di allargare gli orizzonti per crescere in Europa. (passioneinter.com)

Poco spazio per Andrea — In attacco, pochi dubbi: incedibili Lukaku e Lautaro, difficile pensare a un addio di Sanchez considerando il rendimento (tutto sommato, positivo) e la durata del contratto, valido fino al 30 giugno 2023. (La Gazzetta dello Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr