Causa Milan-Boban, il croato dovrà restituire più di 1,5 milioni di euro

Causa Milan-Boban, il croato dovrà restituire più di 1,5 milioni di euro
Pianeta Milan SPORT

L'ex rossonero dovrà ora restituire oltre 1,5 milioni di euro. Renato Panno. Come noto, il Milan e Zvonimir Boban sono in causa per il licenziamento 'per giusta causa'.

Il club rossonero, dopo la sentenza, ha presentato un ricorso che, come riferisce 'Calcio e Finanza', è stato parzialmente accettato.

Boban adesso dovrà restituire al Milan un importo pari a 1,2 milioni di euro, oltre ad un'ulteriore cifra pari all’ammontare di tutti i guadagni derivanti dalle sue attività lavorative dal marzo 2020 a fine novembre 2022. (Pianeta Milan)

Su altri giornali

La Corte di Appello di Milano ha accolto il ricorso del club e ora il dirigente croato dovrà restituire oltre 1,5 milioni di euro alla società rossonera dopo la causa che è seguita al licenziamento dell’ex calciatore da parte della squadra di via Aldo Rossi. (Sport Fanpage)

I giudici hanno respinto la domanda dell’ex dirigente rossonero relativa al danno non patrimoniale originariamente riconosciuto. Boban dovrà dunque restituire un importo intorno agli 1,2 milioni di euro al Milan e una cifra pari all’ammontare di tutti i guadagni derivanti dalle sue attività lavorative dal marzo 2020 a fine novembre 2022, compresi dunque quelli derivanti dal suo attuale ruolo in UEFA (alfredopedulla.com)

Leggi anche:. La Corte d’Appello “rivede” la sentenza: Milan contento. Il Milan aveva esposto un reclamo contro il Giudice del Lavoro e la sua prima sentenza. Colpo di scena nello scontro legale che vede protagonisti Zvonimir Boban ed il Milan, in causa ormai da diverso tempo. (MilanLive.it)

Boban-Milan, arriva la sentenza della Corte di Appello: la cifra che dovrà restituire al Milan

I giudici hanno respinto la domanda di Boban relativa al danno non patrimoniale originariamente riconosciuto. La Corte di Appello di Milano ha riformulato la sentenza di primo grado per la causa di lavoro intentata dal croato contro il club di via Aldo Rossi. (Corriere della Sera)

Ieri, come appreso da Calcio e Finanza, è arrivata una sentenza parzialmente a favore del Milan: la Corte di Appello di Milano ha infatti riformato la sentenza di primo grado per la causa di lavoro intentata da Boban. (AreaNapoli.it)

Boban, Milan, sentenza. La sentenza, inoltre, sottolinea che il croato dovrà restituire al Milan anche tutti i guadagni derivanti dalle sue attività lavorative dal marzo 2020 a fine novembre 2022 (compresi quelli derivanti dal suo attuale ruolo in UEFA), per una cifra intorno ai circa 4,8 milioni di euro (Spazio Milan)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr