Perché Netflix taglia i dipendenti

Start Magazine ECONOMIA

Quindi, purtroppo, stiamo lasciando andare circa 150 dipendenti oggi, per lo più con sede negli Stati Uniti”, ha dichiarato il portavoce di Netflix.

NETFLIX MANDA A CASA 150 DIPENDENDENTI. La società leader del settore video streaming taglierà 150 posti di lavoro.

Le posizioni eliminate rappresentano meno del 2% degli 11.000 dipendenti di Netflix, con la maggior parte dei tagli negli Stati Uniti. (Start Magazine)

Su altre testate

Il gigante dello streaming ha detto ai dipendenti che un’opzione più economica e supportata dalla pubblicità sarà lanciata entro la fine dell’anno Quindi, purtroppo, stiamo lasciando andare circa 150 dipendenti oggi, per lo più con sede negli Stati Uniti”, ha dichiarato il portavoce di Netflix (Start Magazine)

Per questo motivo molte serie tv e i film sono stati cancellati dalla piattaforma che ha così preferito correre subito ai ripari Dopo la cancellazione di alcuni film e serie tv su Netflix, arriva un’altra brutta notizia: “Siamo costretti da esigenze aziendali”. (SoloGossip.it)

L'azienda non ha specificato quali dipartimenti saranno interessati dai tagli, anche se la maggior parte delle perdite di posti di lavoro sono negli Stati Uniti. Netflix ha annunciato il taglio di 150 posti di lavoro in seguito al rallentamento delle entrate e al calo degli abbonati che ha scosso l'industria dell'intrattenimento. (L'HuffPost)

Netflix ha deciso di anticipare alcuni film e serie TV a pochi utenti privilegiati. In questo modo Netflix può apportare preventivamente e con largo anticipo delle modifiche a film, serie TV e spettacoli prima che vengano rilasciati sulla piattaforma a uso e consumo di tutti gli abbonati (Telefonino.net)

"Il nostro rallentamento della crescita dei ricavi significa che dobbiamo anche rallentare la nostra crescita dei costi come azienda", ha riferito il portavoce della società. Netflix licenzia 150 persone. (Tuttosport)

L'azienda non ha specificato quali dipartimenti saranno interessati dai tagli, anche se la maggior parte delle perdite di posti di lavoro sono negli Stati Uniti. "Come abbiamo spiegato in occasione dei guadagni, il rallentamento della crescita dei ricavi ci costringe a rallentare anche la crescita dei costi", ha ammesso un portavoce di Netflix (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr