Sanita. Decreto liste d’attesa, Snami: “Da correggere”

Sanita. Decreto liste d’attesa, Snami: “Da correggere”
Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next
Impresa Italiana SALUTE

Il Sindacato autonomo medici italiani boccia il Decreto Liste d’Attesa e scrive al Ministro della Salute e al Presidente del Consiglio Roma. Il sindacato autonomo medici italiani segnala una problematica del Decreto Liste d’Attesa, in vigore dal 10 giugno 2024, e chiede una correzione da subito in sede di conversione con una missiva rivolta al Ministro della Salute e al Presidente del Consiglio. “Il Decreto prevede che le prestazioni di lavoro aggiuntive dei medici siano detassate al 15% – dice Angelo Testa, presidente nazionale Snami – ma questo provvedimento, sebbene riconosca il sacrificio dei medici, si applica esclusivamente a coloro che hanno un contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL). (Impresa Italiana)

Ne parlano anche altre testate

Lettera di Filiberto Dal Molin, medico specialista in Radiologia. "In questi giorni si parla delle vaccinazioni dei bambini. (Il Giornale d'Italia)

I dettagli saranno illustrati giovedì 11 luglio alle 10 al salone d’onore di Palazzo Donini a Perugia Musica per i borghi ha raggiunto la sua XXIIª edizione e torna anche quest’anno ad animare le serate estive nella Media Valle del Tevere, con un cartellone ricco di novità all’insegna della musica, tra Marsciano e Deruta, dal 19 al 28 luglio e un evento speciale ad agosto. (Il Giornale dell'Umbria – il giornale on line dell'Umbria)

A quanto si apprende da fonti parlamentari, l'emendamento verrà dichiarato inammissibile per estraneità di materia quando, martedì mattina, si riunirà la commissione Affari sociali del Senato che sta esaminando il decreto. (la Repubblica)

Vaccinazioni, igienisti preoccupati per lo stop all'obbligo

A quanto si apprende da fonti parlamentari, l’emendamento verrà dichiarato inammissibile per estraneità di materia quando domani mattina si riunirà la commissione Affari sociali del Senato, che sta esaminando il decreto. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Dovrebbe essere giudicato inammissibile per estraneità di materia, secondo quanto apprende LaPresse da fonti parlamentari, l’emendamento presentato dal senatore leghista Claudio Borghi al decreto sulle liste d’attesa volto ad abolire l’obbligo di 12 vaccini al fine di iscriversi alla scuola dell’infanzia, stabilito dalla legge Lorenzin del 2017. (LAPRESSE)

"L'ipotesi di abolire l'obbligo vaccinale non ha alcun razionale scientifico e comporterebbe il rischio sia di vanificare gli sforzi fatti negli ultimi anni, sia di favorire la comparsa di nuovi episodi epidemici di malattie che non possono assolutamente essere considerate né sconfitte né banali". (Alto Adige)