Operazione Alastra, “San Mauro come Corleone”: 11 fermi (ft e vd)

Operazione Alastra, “San Mauro come Corleone”: 11 fermi (ft e vd)
Grandangolo Agrigento Grandangolo Agrigento (Interno)

Gli uomini del clan di San Mauro Castelverde all’indomani dell’operazione “Black Cat” del 2016, avevano serrato le fila e continuato ad imporre il proprio potere.

Grazie all’attività di indagine e alla fondamentale collaborazione degli imprenditori vessati, sono state ricostruite 11 estorsioni, 5 consumate e 6 tentate.

Ne parlano anche altri giornali

ndici fermi nell'operazione "Alastra": colpiti i vertici del mandamento mafioso di San Mauro Castelverde. Le attività di indagine hanno evidenziato il ruolo ricoperto da Giuseppe Farinella, figlio di Domenico Farinella, boss di cosa nostra all'epoca detenuto a Voghera in regime di alta sicurezza, fedelissimo di Totò Riina (AGI - Agenzia Italia)

Nel decreto di fermo di indiziati di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo in collaborazione con la Direzione Distrettuale Antimafia, si legge che le indagini del procedimento hanno questa volta consentito di monitorare, in diretta, la fase esecutiva di due distinte estorsioni, di cui la prima già in parte perfezionata, ai danni dell’imprenditore Michelangelo Mammana, con riguardo alla quale sono sorti alcuni contrasti in merito al pagamento dell’ultima tranche di 5000 euro ed alla destinazione del denaro alla cassa della cosca. (Nebrodi News)

Sono 11 le persone arrestate a vario titolo per associazione mafiosa e altri reati come estorsione, corruzione, atti persecutori, furto e danneggiamento. Le attività hanno consentito di evidenziare il ruolo ricoperto da Giuseppe Farinella, figlio di Domenico, l’autorevole boss di cosa nostra all’epoca detenuto a Voghera (PV) in regime di alta sicurezza. (Diretta Sicilia )

Colpo alla cosca delle Madonie. Operazione dei carabinieri. Secondo quanto ricostruito dai militari del Nucleo investigativo dell'Arma di Palermo, Farinella si è rivolto all'assistente di polizia penitenziaria contattandolo una prima vola tramite whatsapp. (TGR – Rai)

Le indagini hanno documentato gli assetti e le dinamiche criminali del mandamento mafioso di San Mauro Castelverde, che, all’indomani dell’operazione “Black Cat” dell’aprile 2015, ha serrato le fila e ha continuato ad operare sul territorio, imponendo il proprio potere, anche grazie ai rapporti di consanguineità. (Stretto web)

Mafia, colpo al clan Farinella: 11 arresti a Palermo. Il rampollo. Le indagini hanno evidenziato il ruolo ricoperto da Giuseppe Farinella, figlio di Domenico Farinella, boss di cosa nostra – fedelissimo di Totò Riina – all’epoca detenuto a Voghera (Pavia) in regime di alta sicurezza che continuava a comandare dal carcere. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr