András Forgách: «Orbán ha inventato la democrazia illiberale. Il suo partito è brutale e crudele: cioè fascista»

András Forgách: «Orbán ha inventato la democrazia illiberale. Il suo partito è brutale e crudele: cioè fascista»
L'Espresso ESTERI

La centralizzazione, dice Forgách, è una costante della storia ungherese.

Questo Orbán lo ha capito e la sua scelta, in termini elettorali e di consenso è stata molto efficace.

Ed è proprio da qui che parte il racconto di Forgách, dalle diverse ere ideologiche stratificate nella storia ungherese fino all’Ungheria di Orbán, il tema della nostra intervista.

Come per tutte le aree della vita pubblica ungherese, Orbán ha deciso di intervenire nella cultura, affidandone la gestione ad una fondazione, anche questa vicina al governo. (L'Espresso)

La notizia riportata su altri media

Dopo i continui attacchi da parte dell’Unione europea sul tema lgbt, arriva la decisione del premier ungherese Orbán che spiazza tutti. “In molti Paesi dell’Europa occidentale gli attivisti Lgbtq conducono lezioni educative negli asili e nelle scuole“, ha spiegato il premier ungherese (La Luce di Maria)

Diritti civili Ungheria, Orban convoca referendum sulla controversa legge Lgbtq Il governo magiaro replica all'Ue: "Ricatta Budapest che difende i minori". Condividi. E' guerra aperta sui diritti civili tra Unione europea e Ungheria. (Rai News)

iktor Orbán sfida ancora l'Unione europea: il premier ungherese ha annunciato che organizzerà in tempi veloci un referendum sul sostegno popolare a quella che egli e il suo governo definiscono "legge per la protezione dei minori" e che la Ue ha condannato come inaccettabile complesso di misure discriminatorie e repressive contro la comunità Lgbtq+ (la Repubblica)

Ungheria, Viktor Orban annuncia referendum anti-LGBT. Ursula Von Der Leyen invitata al Budapest Pride - Gay.it

Che suona come una sfida diretta all’Ue: «Cinque anni fa è stata una consultazione popolare a impedire a Bruxelles di forzarci ad accettare i migranti. Il premier ungherese lascia quindi la scelta ai suoi connazionali, indicendo un referendum. (Il Primato Nazionale)

Il premier ha invitato gli elettori ad appoggiare la cosiddetta ‘legge anti-Lgbtiaq’ e a “fermare Bruxelles” come nel 2016, quando l’Ue “voleva costringere i migranti in Ungheria” e Budapest indisse un referendum contro le quote di redistribuzione. (LaPresse)

I diritti LGBTIQ sono diritti umani e i diritti umani sono valori europei. Partecipando al Budapest Pride, la Commissione europea invierebbe un segnale forte verso tutte le minoranze discriminate in Europa. (Gay.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr