Operazione “Alibante”, Lamezia Bene Comune: “Forze politiche e cittadini scelgano da che parte stare”

Operazione “Alibante”, Lamezia Bene Comune: “Forze politiche e cittadini scelgano da che parte stare”
Corriere di Lamezia INTERNO

Happy 0 0 % Sad 0 0 % Excited 0 0 % Sleepy 0 0 % Angry 0 0 % Surprise 0 0 %

E’ evidente che, accanto all’azione straordinaria di magistratura e forze dell’ordine, è urgente uno scatto di responsabilità da parte delle forze politiche, delle diverse realtà della società civile, dei singoli cittadini del nostro territorio che devono arrivare prima della magistratura a “bonificare” e “sradicare” ogni possibile compromesso con criminalità e zona grigia. (Corriere di Lamezia)

La notizia riportata su altri media

Abbiamo poi accertato che la cosca Bagala’ aveva rapporti strettissimi con cosche di diversi. territori, a conferma del riconoscimento di questo sodalizio anche nei ranghi piu’ alti della ‘ndrangheta. “Abbiamo accertato tutti i reati tipici che denotano il controllo del territorio”, ha spiegato Gratteri. (CatanzaroInforma)

Il ruolo del carabiniere a servizio della ‘ndrangheta. Il carabiniere Francesco Cardamone è comparso sulla scena investigativa in occasione delle elezioni per la carica di sindaco di Nocera Terinese nel 2018. (Calabria 7)

È stato nel corso di questa parentesi al Nucleo operativo radiomobile che Cardamone avrebbe commesso grossi illeciti. Formalmente le interrogazioni le avrebbe effettuate coi propri dati Vitaliano Costantinopoli, all’epoca comandante pro tempore della Stazione (Corriere della Calabria)

Messina, vasta operazione antidroga: decine di misure cautelari

Una figura marginale dunque all'organizzazione che - secondo l'ipotesi investigativa della Dda - avrebbe ricoperto ruoli di vertice in alcune società deputate a riciclare il denaro di provenienza illecita. (ArezzoNotizie)

Sono state passate al setaccio diverse abitazioni. Diverse uomini dell’Arma hanno eseguito perquisizioni all’interno di alcune abitazioni di via Baronio Manfredi, nella parte alta della città. (Monrealelive.it)

(LaPresse) – La Polizia di Messina sta eseguendo decine di misure cautelari a carico di soggetti appartenenti a due pericolose organizzazioni criminali dedite al traffico di sostanze stupefacenti ed operanti nel rione cittadino di Giostra, divenuto teatro di un aspro scontro, anche armato, tra i gruppi delinquenziali degli Arrigo e dei Bonanno per il controllo del territorio e del redditizio mercato della droga. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr