«Non era l'Epo a fare la differenza, Armstrong aveva un motore nascosto nella bici» - ilNapolista

IlNapolista SPORT

Non era l’EPO a fare la differenza…”

Ma se le leggende si basano su qualcosa… Credo che avesse un motore sulla bici.

Lo spiega nel suo ultimo libro (“Dopage: Ma guerre contre les tricheurs”):. “Lance Armstrong ha avuto complicità a tutti i livelli.

Le accuse dell’ex capo dell’Agenzia antidoping francese all’ex ciclista squalificato per doping: “alcune prestazioni non erano spiegabili nemmeno con l’Epo”. (IlNapolista)

Ne parlano anche altri giornali

Tre giorni prima di iniziare il Tour mi dissero che il mio uomo di fiducia, Benjamin Noval, non sarebbe venuto. Lui ritornava a correre, nella mia squadra e disse che voleva vincere il Tour. (SpazioCiclismo)

Dopo esser divenuto la più grande truffa dello sport avendo vinto 7 Tour de France grazie al doping, l'ex ciclista americano è ora accusato anche di aver corso la Grand Boucle non solo da dopato ma anche con un motore nascosto nella bicicletta. (Sport Fanpage)

Queste accuse non avrebbero dovuto essere presentate e certamente non tre anni dopo“. Illazioni che arrivano a oltre tre lustri di distanza da quei fatti, appena 24 ore dopo che il nome di Lance Armstrong era tornato nelle pagine di cronaca per le accuse di strupro rivolte al figlio Luke. (OA Sport)

La ragazza era stata bloccata contro il muro del sottopasso, nonostante avesse lasciato cadere apposta il proprio portafoglio perché pensava di essere vittima di una rapina. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

“Sono anche convinto che avesse un motore nella bici – ha proseguito Verdy – Ho ancora le immagini in testa di una tappa di montagna dove lui ha staccato tutti. Alla fine della tappa, chiamo tutti gli specialisti che conosco e non capivano come fosse possibile la sua performance, anche con l’EPO (SpazioCiclismo)

Un avvocato di. Luke David Armstrong, il figlio del ciclista caduto in disgrazia Lance Armstrong, è stato arrestato per aver aggredito sessualmente una ragazza di 16 anni quasi tre anni fa. (ilgazzettino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr