Il grande romanzo popolare del Capitano | il manifesto

Il Manifesto CULTURA E SPETTACOLO

La registrazione è gratuita e ti consente la lettura di n. 3 articoli ogni 7 giorni. Non hai ancora un account?

Registrati. Accedi tramite la tua email: Per favore, correggere i seguenti errori di input: dummy Email * Password * Ricordami Entra Non ricordi la tua login e/o la password?

recuperali.

(Il Manifesto)

Se ne è parlato anche su altre testate

E adesso che non si può più ammirare sui campi, lo si può almeno stare ad ascoltare ma anche a guardare: ieri, infatti, al Festival del Cinema di Roma è stato presentato il docufilm sulla carriera del capitano ‘Mi chiamo Francesco Totti’. (RomaNews)

"Il film si intitola Mi chiamo Francesco Totti come l'incipit di un tema di scuola in cui ti devi raccontare - spiega Infascelli - è documentario semplice perché Francesco è semplice e a me piaceva così. (la Repubblica)

Avevo bisogno di isolare un relazione da subito, e questo film nasce dalla relazione tra Francesco e Roma, che a sua volta racconta Francesco. Eravamo piccoli quando ha cominciato a giocare e per noi romani è sempre stato molto presente. (RomaNews)

Abbiamo cominciato a chiacchierare per ore, prima cercavo di seguire un mio copione, poi Francesco poi andava in luoghi assurdi della sua coscienza e questo flusso di coscienza l'ho messo nel film. Oltre il campo di calcio, oltre Roma e la sua tifoseria, "Mi chiamo Francesco Totti", non può non emozionare. (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr