JBS USA: pagato il riscatto dopo l'attacco - sicurezza.net

JBS USA: pagato il riscatto dopo l'attacco - sicurezza.net
Sicurezza.net ECONOMIA

A renderlo noto è l’Amministratore Delegato della sede statunitense di JBS, Andre Nogueira

colosso del settore alimentare, nei giorni precedenti è stato vittima di un attacco ransomware.

Tenda AC6 Router Wi-Fi AC1200 Dualband 300 Mbps 2.4 GHz e 867 Mbps 5 GHz, 4 5dBi Antenne, Parental Control e Rete Ospiti, VPN, IPv6, Adatto per Case a Un Piano. Il riscatto pagato da JBS USA. La multinazionale del settore alimentare ha comunicato di aver pagato il riscatto richiesto dagli hacker dopo l’attacco cyber. (Sicurezza.net)

Su altre testate

Jbs precisa che la maggior parte delle sue strutture erano operative nel momento in cui ha effettuato il pagamento. Il 31 maggio la compagnia aveva annunciato di essere stata vittima di un attacco ransomware, ma adesso è la prima volta che la filiale Usa della società conferma di avere pagato il ‘ransom’, cioè il riscatto. (Cronachedi.it - Il quotidiano online di informazione indipendente)

Nei giorni scorsi, la divisione statunitense di JBS ha pagato un riscatto da 11 milioni di dollari ai cybercriminali che hanno colpito la sua infrastruttura informatica attraverso un attacco ransomware. (Punto Informatico)

Lo ha reso noto al Wall Street Journal il chief executive della filiale, Andre Nogueira. - WASHINGTON, 10 GIU - La filiale americana del colosso brasiliano Jbs, il maggior fornitore di carne al mondo, ha pagato 11 milioni di dollari di riscatto (in bitcoin) ad una gang di hacker russi dopo aver subito un cyberattacco. (La Nuova Sardegna)

Attacco ransomware a JBS: 11 milioni di riscatto

Il riscatto è stato versato in Bitcoin e dovrebbe mettere al riparo JBS da ulteriori interruzioni dell'attività e da problemi nella catena di forniture. L'azienda ha immediatamente informato l'FBI e ha proceduto a mettere offline parte dei sistemi dell'azienda, per rallentare l'avanzata degli hacker. (Ticinonline)

“Il pagamento del riscatto è avvenuto dopo che quasi tutti gli impianti erano stati riavviati”, ha affermato Nogueira. A pagamento avvenuto, però, l’FBI è poi intervenuta recuperando 2,3 milioni di dollari su 4,4 milioni totali (Key4biz.it)

un JBS è stato l’obiettivo di un attacco di hacker nelle sue unità negli Stati Uniti, Canada e Australia, che è stato temporaneamente chiuso. JBS ha dichiarato in una dichiarazione che la decisione di pagare il riscatto è stata presa dopo aver consultato esperti di sicurezza digitale. (Giornale Siracusa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr