Anniversario Borsellino, la figlia Fiammetta: "Non sarò a Palermo"

La Repubblica INTERNO

Alla vigilia dell'anniversario arriva poi anche la presa di posizione del fratello, Salvatore: "La verità su via D'Amelio - dice - si saprà, purtroppo, solo quando tutti gli attori di questa scellerata storia saranno morti.".

I tre figli di Borsellino e, fino a quando era in vita, la moglie Agnese hanno sempre mantenuto un profilo riservato.

Salvatore Borsellino, maglietta rossa e cappellino intonato, è seduto sotto l'albero piantato in via D'Amelio per tenere vivo il ricordo del fratello Paolo Borsellino e dei cinque agenti di scorta uccisi nella strage del 19 luglio 1992. (La Repubblica)

La notizia riportata su altri giornali

L’illuminazione della città risulta, oggi, non al passo con i tempi, in parte vandalizzata oltre che inquinante dal punto di vista luminoso”, ha dichiarato il sindaco Marcello Manna aggiungendo: “la parte moderna della città di Rende è caratterizzata da una maglia regolare di strade e assi attrezzati che disegnano il territorio con quartieri di alta residenzialità immersi nel verde, varie piazze e spazi di relazione”. (Corriere di Lamezia)

Paolo Borsellino, non soltanto uomo di giustizia ma dagli ideali forti e radicati: “In casa sono conservatori, credono nel Fascismo e sono affascinati dal Duce. Così il momento clou della cerimonia in ricordo della strage di via D’Amelio si concretizza proprio nel luogo della terribile esplosione. (Il Primato Nazionale)

Poco meno di 3 mila le persone presenti nell’antica cavea. Prima dello spettacolo è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare la figura del giudice Paolo Borsellino, ucciso 29 anni fa in via D’Amelio a Palermo insieme a cinque agenti della scorta. (Corriere TV)

Libera Crotone unitamente ad Italia Nostra da oltre dieci anni in questo luogo mantengono viva la memoria sulle stragi del 1992. Scelte e azioni importanti in direzione, attraverso il ricordo, della costruzione di un futuro libero (wesud)

Ribadiamo la riconoscenza per il loro sacrificio in una guerra contro mafie e corruzione che purtroppo non è ancora vinta "La strage di via D'Amelio - osserva ancora il presidente dell'Aula - è un ricordo che brucia in modo particolare nella nostra regione in quanto uno degli agenti della scorta rimasti uccisi, Walter Eddie Cosina, era di Muggia. (Il Friuli)

“Oggi ricorre l’anniversario della strage di via D’Amelio – ha affermato il consigliere regionale Tommaso Razzolini – Io ricordo Paolo Borsellino, eroe nazionale caduto nella lotta contro la criminalità organizzata (Qdpnews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr