Borsa Milano rimbalza con futures Usa. Giù Tim e Juve, bene banche Da Reuters

Investing.com ECONOMIA

Il titolo è salito tanto nelle ultime sedute e, quindi, si realizza", sintetizza un trader

Rimbalza di circa 5 dollari il prezzo del petroilio con il che si attesta a oltre 76 dollari al barile.

In recupero le banche, con le big Unicredit (MI: ) e Intesa (MI: ) Sp in salita rispettivamente dello 0,75% e dello 0,45%.

Da inizio di novembre le azioni Tim segnano un balzo di oltre il 53%, in gran parte realizzato nelle ultime sedute dopo che il fondo Usa Kkr ha annunciato una manifestazione di interesse a 0,5050 euro per rilevare il controllo della società di tlc. (Investing.com)

Su altre fonti

A dare gas ai listini è stato soprattutto il riscatto del greggio, in forte rialzo dopo il -13% di venerdì. Fuori dal listino principale, tonfo della Juventus (-6%) mentre nel mirino della procura di Torino sono finite le plusvalenze del calciomercato. (Il Sole 24 ORE)

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano. Sulla Borsa di Milano, fra le raccomandazioni dei broker, Berenberg ha promosso Eni da hold a buy, con un target price che passa da 13,50 a 14 euro. Questa sera sarà pubblicato il Beige Book, mentre nel pomeriggio si guarda alla stima Adp sui nuovi occupati di novembre. (Finanza Report)

In affanno anche i titoli energy con ENI giù dell'1,93% in area 11,58 euro dopo che ieri aveva primeggiato sul Ftse Mib in scia al rimbalzo del petrolio. Preoccupazioni sugli effetti della variante Omicron che hanno spinto al ribasso i futures di Wall Street e le Borse asiatiche. (Yahoo Finanza)

Fra le altre notizie su Borsa italiana oggi, il cda di Banca Intermobiliare ha dato via libera alle condizioni definitive di un aumento di capitale da 23 milioni. Saranno emesse massime 683.613.317 azioni ordinarie da offrire in opzione agli azionisti della banca nel rapporto di 5 nuove azioni ogni 12 azioni ordinarie possedute, al prezzo di sottoscrizione di 0,0336 euro (Finanza Report)

Il dato è al di sotto delle attese di consenso a 68,4 punti. A seguirlo, a fine seduta di mercati, è l'oro che cede lo 0,21% a 1.781 dollari l'oncia, mentre nel valutario il biglietto verde guadagna terreno sulle altre valute. (Milano Finanza)

Chiusura positiva per la Borsa di Milano, con il Ftse Mib che ha terminato a +0,73% (26.041 punti), l’All Share ha terminato a +0,78% (28.543 punti), mentre il Ftse Italia Growth ha guadagnato lo 0,90% (11.140 punti). (Bizjournal.it - Liguria)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr