Matteo Messina Denaro e quel clamoroso scambio di persona

Matteo Messina Denaro e quel clamoroso scambio di persona
Corriere del Ticino INTERNO

Fuori dal locale una decina di mezzi e agenti dei reparti speciali con il volto coperto da un passamontagna nero, armi in mano e la faccia di Messina Denaro stampata bene a mente.

E di Matteo Messina Denaro?

«Se lui è un capo della mafia, io sono il Papa», ha ironizzato l’avvocato al termine del colloquio con quello che avrebbe dovuto essere Matteo Messina Denaro.

La procura di Trento non ha mai condiviso alcuna informazione né con la procura di Palermo né con la direzione investigativa Antimafia che da anni si occupano di dare la caccia a Matteo Messina Denaro. (Corriere del Ticino)

Se ne è parlato anche su altri giornali

La soffiata direttamente dall’Italia: Matteo Messina Denaro, “u’siccu”, la “primula rossa” della Mafia siciliana, il più ricercato dei latitanti italiani, sarà in un ristorante con altre due persone, mercoledì 8 settembre. (Il Riformista)

Quando mi hanno avvertito — spiega — che era stato arrestato perché scambiato per il boss della mafia Matteo Messina Denaro, ho creduto che si trattasse di uno scherzo. Matteo Messina Denaro, 59 anni, è ricercato dal 1993. (Corriere della Sera)

Mark L., di Liverpool, residente in Spagna, si trovava in Olanda per assistere assieme al figlio al Gran Premio di Formula 1 di Zandvoort È una serata apparentemente tranquilla quella che si sta svolgendo al ristorante Het Pleidooi, a L’Aia, in Olanda. (FormulaPassion.it)

Lo scambiano per Matteo Messina Denaro, turista inglese arrestato mentre cenava in un ristorante

Le ricerche fuori dalla Sicilia Continua la caccia alla Primula rossa di Castelvetrano: nell'indagine sui boss agrigentini le intercettazioni su un "canale di comunicazione". (La Repubblica)

Come riporta anche SkyTg24, inoltre, il procuratore Raimondi, non ha risposto alle domande dei giornalisti sulla vicenda, ma ha precisato che l'ordine di cattura europeo non è partito dai suoi uffici. È intensa e nota l'attività investigativa sulle infiltrazioni mafiose che la Procura di Trento, con il procuratore Sandro Raimondi, porta avanti da diverso tempo. (TrentoToday)

Secondo quanto riporta il Post, alcuni anni prima il turista inglese aveva conosciuto un avvocato olandese e lo ha fatto convocare come proprio legale. Un turista inglese è stato infatti arrestato mentre stava cenando a un ristorante dell’Aia, in Olanda, perché confuso con il boss Matteo Messina Denaro, il latitante più ricercato d’Italia. (Tuscia Web)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr