Bologna, protesta dei ristoratori contro le restrizioni

Bologna, protesta dei ristoratori contro le restrizioni
Per saperne di più:
LaPresse INTERNO

Tra i promotori della protesta anche Giovanni Favia, ex pentastellato, tra i primi a essere espulsi dal Movimento che rimprovera il Governo di aver “scelto la strada più facile”

A raccontarlo è Luca Mazza, titolare dell’Osteria Cannone in centro a Bologna ed è uno dei tanti ristoratori che stasera si sono dati appuntamento in piazza Maggiore, a Bologna.

Il prossimo 24 febbraio il Comitato Tutela dei Ristoranti sarà in udienza al Tar. (LaPresse)

Ne parlano anche altri media

"Non se n’è fatto niente – spiega La Corte –, non l’hanno neanche presa in considerazione e noi chiudiamo, nell’indifferenza della politica Il malumore dei titolari è acuito dalla sensazione che nel nostro territorio l’indice del contagio non sembra essere così altro da giustificare la serrata. (il Resto del Carlino)

A questo si è, poi, aggiunto, il fatto di avere la certezza solo a tarda serata dell’entrata in arancione da domenica, con la necessità di avvisare clienti, dipendenti e fornitori all’ultimo momento. E’ il commento del direttore regionale di Confesercenti Emilia-Romagna, Marco Pasi, all’entrata della regione nella cosiddetta zona arancione. (Gazzetta di Parma)

Il report, che normalmente si fa al venerdì, potrebbe essere previsto per il martedì o il mercoledì. Non possiamo pensare che noi del mondo sanitario viviamo separati dal resto del mondo. (Il Messaggero)

"Zona arancione, perché?" La rabbia dei ristoranti

Zona gialla e zona arancione hanno anche un altro divieto in comune: il tetto massimo di due invitati in casa Le differenze principali tra zona gialla e zona arancione riguardano la libertà di spostamento entro i confini regionali (in zona gialla sono consentiti senza autocertificazione) e l'apertura di ristoranti, bar, trattorie, pizzerie, gelaterie e pasticcerie. (Today.it)

Bisogna avere il coraggio di dividere tra chi ha dati da zona rossa e chi, invece, dovrebbe stare in zona gialla, come noi. "Potevano almeno lasciarci la domenica – commenta Danilo Marchiani, responsabile dei ristoratori. (il Resto del Carlino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr