Google Stadia, parte la Class Action contro il finto 4K

Google Stadia, parte la Class Action contro il finto 4K
Parliamo di Videogiochi SCIENZA E TECNOLOGIA

Questa disputa legale accusa Google di aver mentito sul supporto alla risoluzione 4K previsto per il lancio, con lo scopo di aumentare le iscrizioni al servizio, generando un guadagno di milioni di dollari su quella che è effettivamente una bugia.

Piove sul bagnato per Google Stadia.

Dopo la chiusura degli studi first party, il servizio di gaming via streaming della grande G si ritrova immischiata in una class action, inizialmente presentata lo scorso Ottobre e ripescata dalla corte federale di New York (Parliamo di Videogiochi)

La notizia riportata su altre testate

Google Stadia Pro – Giochi marzo 2021. Avicii Invector. Reigns. Some new arrivals hit the Stadia store this week (GamingTalker)

Secondo quanto pubblicizzato da Big la propria stazione di gioco dovrebbe permettere ai giochi di girare in 4K e 60 frame al secondo, ma in realtà sono diversi i giochi che subiscono un “downscale”. Tutta colpa del supporto al 4K, che la stessa console non riesce a “mantenere”, a meno che non si è dotati di un televisore con quella risoluzione. (Computer Magazine)

Journey to the Savage Planet è stato sviluppato da Typhoon Studios, uno studio acquisito da Google per costruire i suoi titoli Stadia originali. Journey to the Savage Planet ha debuttato su Stadia il 1 ° febbraio, lo stesso giorno in cui Google ha chiuso i suoi studi Stadia e ha licenziato diversi sviluppatori. (Gamesvillage)

Google Stadia: licenziati i programmatori, chi sistema i bug?

Nelle prime settimane di pubblicazione di un gioco, è più che normale incappare in qualche bug che, successivamente, lo sviluppatore risolverà. Journey to the Savage Planet è uscito su Google Stadia da quasi un mese, dopo essere stato pubblicato su console e PC nel corso del 2020. (Tom's Hardware Italia)

Affermazioni sulla qualità 'enormemente esagerate' e parte una causa legale (Di lunedì 22 febbraio 2021) Google è stata colpita da una causa legale che accusa il gigante tecnologico di "aver esagerato notevolmente" riguardo la qualità del suo servizio streaming. (Zazoom Blog)

Il team di sviluppo interno a Google Stadia è stato liquidato, ora i giocatori lamentano non vi sia nessuno che si prenda carico dei bug. Nella sua versione Stadia, il gioco sarebbe appesantito da diversi bug, alcuni dei quali anche molto importanti, tuttavia a chi tocca occuparsene? (Lega Nerd)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr