La battaglia tra Stati che si nasconde dietro la global tax

La battaglia tra Stati che si nasconde dietro la global tax
Altri dettagli:
Il Sole 24 ORE ECONOMIA

La web tax a cui fanno ricorso molti Paesi dà ricavi modesti e il costo finiscono di pagarlo le imprese locali.

Dove sono stati fatti gli investimenti e risiede il know-how per realizzare gli algoritmi o dove questi vengono usati?

Secondo: introdurre una tassa globale mondiale del 21%, o almeno superiore al 15%

Si sono indebitati e ora aspettano che con la ripresa le imprese facciano profitti che, tassati, consentano di rientrare dei debiti contratti. (Il Sole 24 ORE)

Ne parlano anche altri media

Con la global tax (che, va bene ripeterlo, colpisce tutte le multinazionali), secondo le stime dell’Osservatorio fiscale europeo, a disposizione della macchina pubblica italiana arriverebbero 2,7 miliardi di euro in più E che il nostro Paese prevede già una “digital tax” sui profitti delle multinazionali del tech. (QuiFinanza)

Fra questi anche i cosiddetti “paradisi fiscali” europei come l’Irlanda che ha un’aliquota del12,5%, ma anche Olanda, Lussemburgo e Cipro. (QuiFinanza)

Nel Regno Unito, per esempio, Amazon pagherebbe sui profitti di sussidiarie come Amazon Web Services, il suo web hosting con cui ha realizzato un margine del 30% nel 2020, secondo la Fair Tax Foundation. (Corriere della Sera)

G7, il nuovo accordo sulla Global Tax comporterà più tasse per Apple

Ma così come è stata pensata, con un’aliquota al 15%, questa tassa rischia di essere una presa in giro. Lo scorso fine settimana i Paesi del G7 hanno annunciato che si impegneranno a istituire una tassa globale al 15% per le multinazionali, dovuta in ogni Stato dove queste generano dei guadagni. (Fanpage.it)

Gli analisti non sono ancora convinti che una tassa minima globale al 15% almeno farà scomparire del tutto questi luoghi senza tasse Ma quanto e, soprattutto, dove si paga attualmente la tassa sulle multinazionali? (Money.it)

La vera grande novità riguarda probabilmente la lotta a quelli che sono definiti come paradisi fiscali, mettendo un freno alla pratica di dichiarare profitti in paesi dal regime fiscale favorevole. La Global Tax diventerà tuttavia operativa solamente fra qualche anno e la sua entrata in vigore, come dichiarato dal ministro per l’Economia Daniele Franco, comporterà l’eliminazione della Digital Tax (iPhone Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr