Pensioni, c’è la rivalutazione: nel 2022 aumenterà l’assegno

Il Fatto Vesuviano ECONOMIA

A causa della decisa impennata dell’inflazione degli ultimi mesi il tasso è fissato all’1,7%.

Ma con il taglio dell’Irpef in arrivo, sempre per l’anno prossimo, per i redditi sopra i 15 mila euro l’anno ci sarà un ulteriore vantaggio.

Con i benefici maggiori previsti per i redditi intorno a 50-55 mila euro lordi l’anno.

Al 90 per cento sulla fascia che va da 4 a 5 volte e al 75% oltre le 5 volte (sopra 33.500 euro lordi l’anno)

L’incremento sarà infatti applicato totalmente sulla fascia di pensione che arriva a 4 volte il minimo Inps (circa 26.800 euro l’anno lordi). (Il Fatto Vesuviano)

Su altre fonti

il governo ha promesso per il 2022 un primo passo per il taglio delle tasse dei contribuenti, a partire da una revisione delle aliquote (che passano da 5 a 4) e di una sforbiciata della percentuale da versare al Fisco. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr