Luca Attanasio, indagato funzionario Onu per la morte dell’ambasciatore italiano in Congo

Luca Attanasio, indagato funzionario Onu per la morte dell’ambasciatore italiano in Congo
Più informazioni:
Fanpage.it INTERNO

Aspetto, quest'ultimo, che però non vede ancora nessun indagato.

Il diplomatico italiano era in viaggio per visitare un programma di distribuzione di cibo nelle scuole dell'agenzia dell'Onu

L'iscrizione, effettuata dal procuratore Michele Prestipino e del sostituto Sergio Colaiocco, è avvenuta dopo l'audizione del funzionario.

in foto: L’ambasciatore Luca Attanasio. Un funzionario dell'Onu appartenente al Programma alimentare mondiale (Pam) è indagato nell'inchiesta della procura di Roma sulla morte dell'ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi in un agguato lo scorso 22 febbraio. (Fanpage.it)

Su altri giornali

L'indagato era il responsabile della sicurezza del convoglio nel quale viaggiavano Attanasio e Iacovacci. Luca Attanasio, la bomba dal Congo: ma la Procura di Roma. (Liberoquotidiano.it)

C’è una prima persona indagata in relazione all’omicidio dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, entrambi uccisi in un agguato da parte di un gruppo armato che voleva sequestrarli lo scorso 22 febbraio nella Repubblica Democratica del Congo (infodifesa.it)

L’iscrizione, effettuata dal procuratore Michele Prestipino e dal sostituto Sergio Colaiocco, è avvenuta dopo l’audizione del funzionario. Si tratterebbe di un funzionario del Programma alimentare mondiale (Pam) accusato di omesse cautele in relazione all’omicidio dei due italiani. (Il Notiziario)

Caso Attanasio, indagato funzionario Onu per violazione dei protocolli di sicurezza

L’indagato, cittadino congolese, era il responsabile della sicurezza del convoglio sul quale viaggiavano Attanasio e Iacovacci. Secondo quanto ricostruito da inquirenti e investigatori del Ros, Attanasio e Iacovacci finirono in un’imboscata da parte di un gruppo armato. (La Stampa)

L'uomo è accusato dalla procura di Roma di "omesse cautele" in relazione all'omicidio dei due cittadini italiani. Nel corso del conflitto il carabiniere Iacovacci tentò di allontanare l’ambasciatore dalla linea di fuoco, ma i due rimasero uccisi dai proiettili esplosi dagli assalitori (AGI - Agenzia Italia)

L’ambasciatore e il carabiniere sono morti nel corso di “un intenso conflitto a fuoco” e raggiunti dagli spari della banda che aveva tentato di sequestrarli. Attanasio e Iacovacci erano stati prelevati dalla jeep dalla banda e portati all’interno della foresta. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr