Manifestazioni anti vaccino, no vax denunciati per blocco stradale

Manifestazioni anti vaccino, no vax denunciati per blocco stradale
IL GIORNO INTERNO

Il corteo non autorizzato di 5mila persone contrarie a vaccino e green pass ha sfilato in centro per l’ottavo sabato di fila.

www.ilgiorno.it/ buongiornomilano. Mancato preavviso di manifestazione e blocco stradale.

Non resterà senza conseguenze (penali) la manifestazione dei no vax andata in scena sabato pomeriggio.

Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. (IL GIORNO)

Se ne è parlato anche su altre testate

Fra i presenti anche anche il senatore Gianluigi Paragone, candidato sindaco di Italexit. Al corteo ha partecipato anche Marco Mantovani, esponente di estrema destra che alle scorse comunali era candidato sindaco di Forza Nuova (Radio Lombardia)

Ieri pomeriggio, a Milano, si è svolta una manifestazione di protesta finalizzata a manifestare dissenso nei confronti dell'obbligo vaccinale, del green pass e, in generale, contro le ultime misure emanate per fronteggiare la pandemia da Covid-19. (leggo.it)

I cori «Libertà libertà», «No green pass», e «Giù le mani dai bambini» scandiscono il ritmo delle proteste, al momento trasferitesi in corso San Maurizio Il corteo, composto da circa 500 persone, è partito pochi minuti più tardi, ma la polizia ha subito sbarrato l’accesso su via Garibaldi. (Corriere della Sera)

Cortei "No Vax" e "No Green Pass" in 100 città italiane: fra slogan e tensioni

candidato sindaco di Italexit: "E' la prima volta che vengo a Milano ma la fame di diritti è la stessa di altre città", ha detto, spiegando così la sua partecipazione al corteo che dopo aver raggiunto San Babila, è arrivata in corso Venezia. (Sky Tg24 )

La destra voleva sfilare su corso Buenos Aires per poi arrivare, guarda caso, a piazzale Loreto. E così la Questura di Milano ha identificato i promotori della protesta per mancato preavviso e per blocco stradale. (Open)

Dopo il flop del primo settembre quando le iniziative contro l'obbligo del Green pass sui treni andarono pressoché deserte, oggi il popolo del "No" è tornato in piazza. Ma il risultato è simile: poche centinaia di persone a cortei e sit in organizzati in oltre cento città. (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr