Nuovo digitale terrestre: quali canali Rai e Mediaset spariscono il 20 ottobre

Nuovo digitale terrestre: quali canali Rai e Mediaset spariscono il 20 ottobre
ContoCorrenteOnline.it ECONOMIA

Ormai presente in quasi tutte le case, inoltre, a breve dovremo fare i conti con un importante cambiamento, ovvero il passaggio definitivo al nuovo digitale terrestre.

Importanti cambiamenti in vista con il passaggio al nuovo digitale terrestre, con molti canali Rai e Mediaset che spariranno a partire dal prossimo 20 ottobre.

Nuovo digitale terrestre, quali canali Rai e Mediaset spariscono il 20 ottobre: tutto quello che c’è da sapere. (ContoCorrenteOnline.it)

Se ne è parlato anche su altri media

ROMA – La Rai e Mediaset si preparano ad oscurare alcuni canali dal 20 ottobre. La Rai trasferirà direttamente in alta definizione Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola. (News Mondo)

Sarà allora che nove canali Rai e sei canali Mediaset potranno essere visti solo con televisori adeguati al nuovo standard Mpeg-4. (Il Sole 24 ORE)

Per Mediaset i canali sono TgCom24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 TV e Virgin Radio TV. Dal 20 ottobre molti canali del digitale terrestre passeranno all'Hd e non saranno più visibili su apparecchi datati. (il Giornale)

Dal 20 ottobre parte il nuovo digitale terrestre: cosa c è da sapere

Oltre a Canale 5 HD, Italia 1 HD e Rete 4 HD, Mediaset trasmetterà anche Canale 20 in alta definizione. I dispositivi televisivi che non ricevono i canali in alta definizione HD potranno continuare a ricevere Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai News 24. (LettoQuotidiano)

L'Italia, come il resto dell'Europa, in un futuro non molto lontano darà il benvenuto al nuovo digitale terrestre, cioè lo standard DVB-T2 Ma anche Rai Sport+ HD, Rai 5, Rai Storia e Rai Movie. (Informazione Oggi)

Canali tv in Hd dal 20 ottobre. In casa Rai, il passaggio alla nuova codifica riguarda nove canali “tematici”: Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport+ Hd, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola. (Wired Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr