Greco: “verbali Amara? Davigo imbarazzante/ “Fatto grave, si vuole colpire Procura”

Greco: “verbali Amara? Davigo imbarazzante/ “Fatto grave, si vuole colpire Procura”
Il Sussidiario.net INTERNO

Fatto imbarazzante».

Nella replica ai colleghi magistrati che sono scesi in prima linea per la difesa di Storari contro l’ordine di trasferimento (poi bloccato, ndr), Greco non le manda a dire dalle colonne del “CorSera”: «colpire la procura di Milano?

Questa Procura ha sempre rappresentato l’indipendenza e la libertà dei magistrati

La replica di Greco è netta: «la versione di Storari contrasta con la ricostruzione storica dei fatti,che ho documentalmente provato. (Il Sussidiario.net)

Ne parlano anche altri giornali

“Questa Procura ha sempre rappresentato l’indipendenza e la libertà dei magistrati. Storari, pensando che l’indagine non proseguisse, consegna i verbali secretati all’allora consigliere del Csm Davigo (Il Fatto Quotidiano)

Per raccontare la sua verità Greco si affida a una penna non ostile, Milena Gabanelli, sul Corriere della sera di ieri. Come e quando si siano incrociati secondo Greco le «coltellate» di Storari e gli «interessi» di Davigo non è chiaro. (ilGiornale.it)

Le ‘bombe’ sganciate contro Piercamillo Davigo, ex consigliere del Csm, starebbero spingendo infatti l’ex membro del pool a querelare Greco, almeno secondo quanto scrive Il Fatto Quotidiano, giornale che vede Davigo tra le proprie firme. (Il Riformista)

Francesco Greco: «Davigo e i verbali? Fatti imbarazzanti, c’è chi vuole colpire la Procura simbolo»

E proprio per tale motivo si sarebbe rivolto a Davigo, senza seguire le vie formali, per tutelarsi. Tutto parte proprio dai verbali: secondo Paolo Storari, il pm che stava raccogliendo quelle dichiarazioni, le indagini della procura di Milano sarebbero procedute con lentezza e non per colpe proprie. (Il Dubbio)

Greco e Davigo, su questa questione, danno una propria versione di ciò che è accaduto intorno a quei verbali. E alla fine ecco che spunta la querela di Davigo a Greco può rappresentare la rottura definitiva di ciò che fu Mani Pulite (LiberoQuotidiano.it)

Alla fine poi al Csm Storari ha raccontato che non c’era nessuna inerzia investigativa, ma che si era consultato con Davigo perché era preoccupato, e quindi non è stato punito. La slavina fa il suo percorso silenzioso, e quando emerge, in Procura è valanga: Greco finisce sulla graticola e Storari al consiglio di disciplina. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr