Fed più hawkish e Bce dovish fanno scattare i buy sul dollaro. Goldman Sachs e Deutsche Bank rinunciano a view bullish su euro

Finanzaonline.com ECONOMIA

(in aggiornamento). La Fed più hawkish dà una bella scossa al forex, in particolare al dollaro.

Soltanto nella sessione di mercoledì l’euro è capitolato fino a -1,1%, riportando il calo giornaliero più forte dall’aprile del 2020.

Tanto che gli analisti di Goldman Sachs e di Deutsche Bank hanno prontamente abbandonato le loro view bullish sulla moneta unica.

Non il dollaro, però, che ha iniziato a prezzare fin da subito le prospettive di un tapering della Fed in anticipo rispetto alle previsioni. (Finanzaonline.com)

Ne parlano anche altri giornali

Abbiamo ricevuto la tua richiesta di iscrizione. Se vuoi ricevere informazioni personalizzate compila anche i seguenti campi opzionali (Finanzaonline.com)

Tassi, la mossa della Fed rafforza il dollaro e fa salire i rendimenti di Ettore Livini. (reuters). La possibile futura stretta monetaria in parte già scontata dagli investitori. (la Repubblica)

Amundi: la Fed non preoccupa, l’aumento dei tassi resta lontano. Amundi commenta le decisioni del FOMC di lasciare i tassi invariati pur rivedendo al rialzo le stime di crescita e inflazione e osserva che nelle sue dichiarazioni Powell ha cominciato ad ammettere che si parla di tapering. (Investing.com)

L'adattamento della politica monetaria è più controverso, tuttavia, anche se l'opposizione dei più conservatori, come il presidente della Bundesbank Jens Weidmann, sta scemando. Un'altra opzione in esame è limitare l'accesso ai finanziamenti della banca centrale per le banche che finanziano le società più inquinanti. (Investing.com)

E non ci sarebbe da stupirsi se, a brevissimo, i primi zampilli di lava cominciassero a fare la loro comparsa. Secondo, 755,8 miliardi di dollari non sono usciti dal sistema bancario per tramutarsi in prestiti ma sono finiti vincolati overnight alla Fed. (Money.it)

E questo sviluppo è destinato ad innescare dinamiche che produrranno effetti su scala planetaria e toccheranno direttamente l’Europa e l’Italia. Ma nemmeno 2022, dato che si prevede che la necessità di rilanciare l’economia statunitense possa coinvolgere anche le politiche destinate a essere messe in atto il prossimo anno. (InsideOver)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr