Audi svela nuovi segreti della RS Q e-tron per la Dakar 2022

Audi svela nuovi segreti della RS Q e-tron per la Dakar 2022
HDmotori SCIENZA E TECNOLOGIA

La cellula abitacolo e la struttura portante di Audi RS Q e-tron sono costituite da un telaio a traliccio in tubi che, per regolamento, deve essere in metallo.

I sedili di Audi RS Q e-tron sono realizzati anch’essi in CFRP e s’ispirano alle sedute utilizzate nel DTM e nell’endurance

Audi sta continuando i preparativi in vista della sua partecipazione alla Dakar 2022 che partirà il 2 gennaio 2022. (HDmotori)

La notizia riportata su altri media

La scelta è caduta su un 4 cilindri Tfsi turbo a iniezione diretta, un’unità derivata da quella impiegata nel Dtm. Tutte e tre queste MGU derivano da quelle utilizzate sulle monoposto di Formula E nelle scorse stagioni. (Quattroruote)

Una prima che sicuramente a prescindere dai risultati ottenuti sarà un ring perfetto per le tecnologie che nei mesi a venire sicuramente saranno proposte sulle vetture di serie. Per sviluppare nuove e valide tecnologie ibride occorre effettuare un gran numero di test, le competizioni motoristiche rappresentano un ottimo banco di prova per valutarne affidabilità e resa (Money.it)

L'Audi alla Dakar con un prototipo ibrido

La prima sfida, realizzare i tre prototipi in soli 12 mesi (la prima RS Q e-tron è stata messa in moto soltanto a giugno di quest’anno) è già stata vinta Le tre RS Q e-tron saranno equipaggiate con tre motori elettrici ciascuna, due destinati a garantire la trazione integrale (uno per ogni asse dei veicoli), e uno deputato a ricaricare gli accumulatori da 50 kWh. (Corriere della Sera)

UN TELAIO RESISTENTE - L'Audi RS Q e-tron utilizza un telaio che combina acciai altoresistenziali di derivazione aerospaziale, alluminio, kevlar e materiali in fibre composite C’È IL RANGE EXTENDER - Il 2 gennaio 2022 prenderà il via la 44a edizione della Dakar, la corsa di durata più importante al mondo. (AlVolante)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr