Israele, Netanyahu (a processo) attacca i magistrati che l'accusano di "grave corruzione"

Israele, Netanyahu (a processo) attacca i magistrati che l'accusano di grave corruzione
Euronews Italiano ESTERI

Per allontanare Netanyahu, devono votare a favore 61 parlamentari su 120: il Paese tornerebbe quindi al voto.

Su un palco è stato eretto un cartellone su cui si legge, con riferimento alla elezioni politiche di fine marzo: 'Il popolo ha scelto: Netanyahu'.

Le consultazioni del presidente Rivlin. Il presidente israeliano Rivlin ha nel frattempo avviato le consultazioni con i partiti per la formazione del nuovo Governo

Caso 4000, frode, abuso di fiducia e corruzione. (Euronews Italiano)

Ne parlano anche altri giornali

Le accuse mosse dalla procuratrice. L'udienza si è aperta con una dissertazione della avvocatessa della pubblica accusa Liat Ben Ari, che da mesi vive protetta da una scorta perchè oggetto di minacce gravi. (Sky Tg24 )

Commentando la presentazione delle prove dell'accusa, il premier ha parlato di «tentativo di golpe», di «caccia alle streghe», di «piano per compromettere» il voto del 23 marzo vinto dal Likud, il suo partito. (Il Manifesto)

Una vicenda nella quale il «primo sospettato è il premier di Israele, che ha usato il suo grande potere in maniera illecita», ha aggiunto. l primo ministro israeliano, Benyamin Netanyahu, si trova nella sede della Corte distrettuale di Gerusalemme per la ripresa del processo a suo carico per corruzione, frode e abuso di potere in tre distinte inchieste giudiziarie. (Ticinonline)

Israele, riprende il processo a Netanyahu. Il procuratore: “Grave corruzione di regime, ha usato il…

Solo il test del Dna potra' dire se e' la stessa ragazza La madre Piera Maggio ha sempre continuato a cercarla. (Tiscali.it)

Elezioni in Israele, i risultati definitivi confermano lo stallo. Il processo che entra oggi nel vivo dopo più di un anno di rinvii e fasi procedurali, si svolgerà a un ritmo di tre sedute a settimana. (la Repubblica)

Netanyahu, secondo la procuratrice, ha “usato il potere del suo incarico per le sue ambizioni personali”, ha abusato il suo potere “come legislatore e come regolatore”. Con queste parole la procuratrice Liat Ben Ari si è rivolta al tribunale di Gerusalemme davanti al quale siede il premier Benyamin Netanyahu. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr