La brusca frenata dell'economia cinese

AGI - Agenzia Italia ECONOMIA

Secondo i dati ufficiali pubblicati il pil è cresciuto a un tasso del 4,9 percento annuo e, a detta dell'Istituto centrale di statistica cinese, il rimbalzo dell'economia dopo la fase segnata dal coronavirus è "instabile e poco bilanciato".

Le borse asiatiche in calo dopo la diffusione dei dati sull'andamento dell'economia cinese, che fotografano un rallentamento della crescita per il Pil del terzo trimestre e la produzione industriale di settembre

a crescita dell'economia cinese ha subito una battuta d'arresto più ampia del previsto nel terzo trimestre dell'anno, rallentata dalle difficoltà del settore immobiliare e da quelle del settore energetico. (AGI - Agenzia Italia)

Su altre testate

Cina, la frenata del Pil gela il lusso europeo 18 Ottobre 2021 di Redazione. La brusca frenata per l’economia cinese gela il lusso europeo. A determinare cosa succederà, concordano gli esperti, sarà soprattutto l’evoluzione della crisi immobiliare, che potrebbe avere un effetto domino sul resto dell’economia (Pambianconews)

Stesso copione a Milano dove Moncler flette dell'1,94% a 57,66 euro, Brunello Cucinelli dell'1,70% a 48,68 euro, meno Tod's (-0,13% a 46,20 euro) e Salvatore Ferragamo (-0,25% a 18,10 euro). Domenica il governatore della People's Bank of China, Yi Gang, ha stimato che l'economia del Paese dovrebbe crescere dell'8% quest'anno. (Milano Finanza)

Tutti i numeri e le previsioni. Nel terzo trimestre del 2021 l’economia della Cina – la seconda più grande al mondo, dopo quella americana – è cresciuta del 4,9 per cento, più lentamente di quanto previsto. (Startmag Web magazine)

Si tratta di una netta decelerazione rispetto rispetto al +7,9 per cento registrato nel trimestre aprile-giugno di quest'anno, che segnava però un dato influenzato dal fatto che nello stesso periodo del 2020 la Cina si trovava ancora nel bel mezzo dell'epidemia Covid-19. (DiariodelWeb.it)

“Negli ultimi vent’anni l’economia cinese è cresciuta moltissimo, ma ha avuto negli investimenti in infrastrutture una componente preponderante”, sottolinea il sinologo. (L'HuffPost)

Dopo il +7,9% del secondo trimestre, il Prodotto interno lordo della Cina sale nel terzo del 4,9% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, disattendendo le aspettative degli analisti, che stimavano un +5,2%. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr