Congo, le immagini dell’attacco all’auto di Attanasio

Congo, le immagini dell’attacco all’auto di Attanasio
LaPresse INTERNO

Nel video amatoriale lo scontro a fuoco durante la fuga degli assalitori

Il video amatoriale sarebbe stato girato nei momenti successivi all'agguato. Su Twitter girano immagini che illustrerebbero i momenti successivi all’attacco alle due auto su cui viaggiavano l’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, morti con l’autista lunedì 22 febbraio.

(LaPresse)

Su altri media

Si chiamava Vittorio Iacovacci, il carabiniere morto questa mattina nell'attacco condotto da un gruppo terroristico al convoglio Onu a Goma. Luca Attanasio, l'ambasciatore morto in Congo insieme a un carabiniere. (Il Messaggero)

L’uccisione è avvenuta a causa di un attacco a un convoglio delle Nazioni Unite nella zona orientale del paese africano. Secondo le primissime notizie c’è stato un attacco ad un convoglio delle Nazioni Unite. (Vesuvius.it)

(LaPresse) – “Con tutti i ministri degli Esteri Ue, abbiamo espresso la nostra vicinanza al ministro Luigi Di Maio e all’Italia per la morte di tre persone nella Repubblica Democratica del Congo fra cui l’ambasciatore italiano Luca Attanasio. (LaPresse)

Era di Latina il carabiniere morto nell'attentato in Congo: chi era Vittorio Iacovacci

Aveva 44 anni il diplomatico deceduto insieme a un Carabiniere dopo l’agguato nel Paese africano. Solo pochi mesi fa, a ottobre 2020, Luca Attanasio era stato premiato con il premio Nassiriya per la Pace, a Camerota. (L'HuffPost)

Iacovacci era effettivo dal 2016 al 13esimo Reggimento Carabinieri ‘Friuli Venezia Giulia’ con sede a Gorizia, specializzato nelle missioni all’estero (LaPresse) – E’ il 30enne Vittorio Iacovacci il carabiniere deceduto nell’attacco in Congo dove è rimasto ucciso l’ambasciatore italiano Luca Attanasio. (LaPresse)

Non sono ancora note le circostanze di questo brutale attacco e nessuno sforzo verrà risparmiato per fare luce su quanto accaduto Vittorio Iacovacci, 30 enne carabiniere ucciso in Congo in un attentato, era in servizio al 13° Reggimento carabinieri Friuli Venezia Giulia, di stanza a Gorizia. (UdineToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr