Record dell'inflazione a dicembre in Ue. Lagarde: scenderà

Milano Finanza ECONOMIA

Stamani un funzionario dell'istituto di gestione del debito della Germania ha avvertito che emettere debito a lungo termine potrebbe essere un po' più impegnativo in un contesto di aumento dei rendimenti dei bond

Perlomeno è quanto ha assicurato quest'oggi la presidente della Banca centrale europea, ai microfoni di France Inter radio, ripresa dall'agenzia Reuters.

Proprio oggi Eurostat ha confermato l'aumento dell'inflazione media nell'area euro al 5% annuo a dicembre, dal 4,9% di novembre, in linea con la stima preliminare e con quella del consenso degli economisti. (Milano Finanza)

Su altri giornali

L’obiettivo della BCE resta quello della stabilità dei prezzi e per Lagarde centrare tale target significa portare avanti ancora una politica in parte accomodante, che funga da ammortizzatore. Lagarde torna a difendere la linea della BCE e a sostenere un’inflazione in aumento, ma in modo temporaneo. (Money.it)

"Ci troviamo in una situazione completamente differente", ha spiegato Lagarde, sottolineando che l'inflazione dell'area euro è "chiaramente più debole" di quella Usa, così come è non è avanzata, come quella degli Stati Uniti, la ripresa dell'economia del blocco. (Finanzaonline.com)

Il mercato non aveva neppure prezzato un rialzo dei tassi BCE nel 2022, ma sta di fatto che le parole del governatore lascino pensare. Inflazione voluta dalle banche centrali. Gli spread esplosero in Italia, Spagna, Portogallo, Irlanda e Grecia. (InvestireOggi.it)

"La ripresa dell'economia si sta confermando più forte di quanto qualsiasi persona si sarebbe potuta aspettare". Lagarde ha anche sottolineato che "la partecipazione alla forza lavoro si sta avvicinando ai livelli precedenti la pandemia" (Finanzaonline.com)

Lo ha detto la Presidente della BCE, Christine Lagarde, nel corso di un panel di presentazione del Global Economic Outlook al Forum economico mondiale (Davos Agenda). E' quanto si legge nel Rapporto sulla congiuntura della Confcommercio secondo il quale a gennaio il PIL diminuirà del 2% su dicembre mentre sull'anno dovrebbe fissarsi al +4,4% (Il Messaggero)

Lo ha affermato la presidente dell'istituto di Francoforte, Christine Lagarde, in un incontro virtuale d'eccezione tra economisti e banchieri centrali, organizzato dal World Economic Forum. Alla Banca centrale europea lo sanno, con un'inflazione nell'Eurozona che ha toccato a dicembre il 5%. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr