Anfia, preoccupati per mancanza sostegno a settore. Indispensabile piano strutturale

Il Messaggero - Motori ECONOMIA

Lo sottolinea Paolo Scudieri, presidente dell’Anfia.

Accogliamo quindi positivamente la presentazione, da parte di diverse forze politiche, di emendamenti alla Legge di Bilancio che propongono il rifinanziamento degli incentivi, attualmente esauriti, a sostegno della domanda di auto e veicoli commerciali leggeri a basso impatto ambientale»

È indispensabile prevedere un piano strutturale almeno su tre anni e con una dotazione adeguata per evitare che l’Italia, in questa delicata fase in cui le politiche di mercato sono fondamentali, sia l’unico Paese europeo a non instradare e supportare i consumatori nell’acquisto di auto a zero e a bassissime emissioni. (Il Messaggero - Motori)

Su altri giornali

Infatti a novembre del 2021 sono state immatricolate 104.478 autovetture a fronte di 138.612 dello stesso mese del 2020, con una diminuzione del 24,63%. In quegli anni l’intervento pubblico, sfociato nel 1933 nella creazione dell’IRI, salvò dal dissesto numerose imprese in quel periodo di crisi mondiale[5] (La Notizia.net)

Quest'ultima, nella sua versione a batteria, risulta l'elettrica più venduta d'Italia, tanto a novembre (946 unità) quanto nel cumulato (9.866 auto) Complice il perdurare della crisi dei semiconduttori e l’esaurimento degli incentivi statali per tutte le fasce di emissioni, a novembre il mercato automobilistico italiano è andato incontro all’ennesima prestazione negativa. (l'Automobile - ACI)

Oltre alla questione dei microchip, vi sono tuttavia anche altri aspetti che condizionano pesantemente il mercato delle auto. L’incognita elettrico. Un altro elemento di debolezza per il mercato dell’auto è il disorientamento dei consumatori che si sta determinando in relazione alle campagne per sostenere la transizione all’elettrico. (EOS Sistemi avanzati scrl)

“Un’altra batosta per il mercato italiano dell’auto” commenta il Centro Studi Promotor che prevede per l’anno 1.460.000 immatricolazioni, “livello veramente infimo, se si considera che per la regolare sostituzione del parco circolante italiano occorrono 2.000.000 di immatricolazioni all’anno” Da inizio anno le immatricolazioni del gruppo sono 518.025, in crescita del 6,3% sullo stesso periodo dell’anno scorso, con una quota del 37,8% a fronte del 38,6%. (la voce d'italia)

Trasferimenti di proprietà di auto usate 290.382 (-1,75%). Le immatricolazioni rappresentano le risultanze dell’Archivio Nazionale dei Veicoli al 30.11.2021, mentre i dati relativi ai trasferimenti di proprietà si riferiscono alle certificazioni rilasciate dagli Uffici della Motorizzazione nel mese di Novembre 2021 (ilMetropolitano.it)

Da notare che il 73% delle Fiat Panda vendute in Italia sono Panda Hybrid, la variante con sistema mild hybrid della segmento A del marchio italiano. Da segnalare anche le 33 mila unità vendute della Jeep Renegade e le 31 mila unità della Toyota Yaris. (Alfa Virtual Club)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr