Mps vola in Borsa: riparte il dialogo tra Tesoro e Ue

FIRSTonline ECONOMIA

Le azioni, dopo aver passato diversi minuti bloccate in asta di volatilità con un rialzo teorico superiore al 13%, sono rientrate in contrattazione e a metà mattinata viaggiano in rialzo del 10,29% a quota 0,89 euro.

A spingere gli acquisti sono le novità e i rumors sul futuro della banca senese.

Archiviate con un nulla di fatto le trattative con Unicredit, Mps ha comunicato che “sono stati avviati contatti con il Ministero dell’economia e delle finanze, al fine di riavviare le interlocuzioni con DG COMP (Direzione generale per la concorrenza Ue, ndr. (FIRSTonline)

Ne parlano anche altre fonti

Il Tesoro deve in primo luogo affrontare i requisiti patrimoniali della banca, che MPS ha messo a 2,5 miliardi di euro. Roma implementerà anche alcune delle misure che sono state offerte a UniCredit come parte di una soluzione stand-alone per MPS, hanno detto le fonti (Non Solo Aerei)

Intanto ci sarà un rinnovo del board con l'arrivo di un nuovo Amministratore Delegato, che secondo indiscrezioni potrebbe essere l'ex CEO di Ubi Banca Victor Massiah. Già nei primi mesi del 2022 potrebbe essere pronto il nuovo business plan approvato dall'Europa, che presenta una situazione già diversa rispetto agli ultimi negoziati con UniCredit (Investire.biz)

Intanto ieri l’agenzia di rating Fitch ha rimosso il “Rating Watch Negativo”, in essere sui principali rating della Banca, confermando tutti i rating, inclusi il rating standalone (“Viability Rating”) a “b”, e il Long-Ter Issuer Default Rating (“IDR”) a “B” con outlook “evolving” Vola il titolo Mps in Borsa, ieri le azioni si sono chiuse al +16,7%. (Antenna Radio Esse)

In base ai termini del salvataggio da 5,4 miliardi negoziato con Bruxelles nel 2017, il Tesoro avrebbe dovuto chiudere un accordo con un potenziale compratore della banca toscana entro fine 2021 (FX Empire Italy)

Il gruppo francese e Unicredit starebbero trattando per posticipare la scadenza e arrivare a un accordo Nel frattempo, sale l'attesa per il piano industriale di Unicredit (+4% a 11,12 euro il titolo). (il Giornale)

Le azioni sono aumentate durante la sessione di mercoledì e hanno chiuso la giornata in rialzo del 17% a € 0,94. Il governo italiano, che ha salvato la banca in difficoltà nel 2017, ha una scadenza per riprivatizzarla in base a un accordo raggiunto con le autorità europee. (Buzznews portale di notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr