'Ndrangheta, assolto ex consigliere regionale Valle d'Aosta e pena ridotta per ristoratore Raso

'Ndrangheta, assolto ex consigliere regionale Valle d'Aosta e pena ridotta per ristoratore Raso
Il Lametino SPORT

I giudici della seconda sezione penale della Corte d'appello di Torino le hanno ridotto complessivamente da 665 mila a 130 mila euro: 50 mila euro alla Regione Valle d'Aosta (assistita dall'avvocato dirigente Riccardo Jans), 40 mila euro al Comune di Saint-Pierre (avvocato Giulio Calosso), 30 mila euro al Comune di Aosta (avvocato Gianni Saracco) e 10 mila euro a Libera (avvocato Valentina Sandroni). (Il Lametino)

La notizia riportata su altri media

Sono 4 i nuovi contagi di coronavirus in Valle d’Aosta secondo i dati del bollettino di oggi, 19 luglio. I guariti sono 11.213, il totale dei casi testati sono 69.268, i decessi di persone risultate positive al Covid da inizio emergenza sono 473 (GameGurus)

Secondo le indagini era uno dei vertici della locale, insieme a Marco Fabrizio Di Donato, condannato a nove anni. Nel processo parallelo a 11 imputati con rito abbreviato, invece, confermate sostanzialmente tutte le condanne. (Il Fatto Quotidiano)

Confermate, fra la altre, le condanne per Marco Fabrizio Di Donato (9 anni) per il fratello Roberto Alex e per Francesco Mammoliti (5 anni e 4 mesi) e per l’avvocato penalista torinese Carlo Maria Romeo (4 anni e 6 mesi). (Quotidiano del Sud)

'Ndrangheta in Valle d'Aosta, confermate 11 condanne nel processo d'Appello

'ndrangheta in Valle d'Aosta, condanne confermate in Appello ma non per Sorbara. (Aosta Oggi)

Confermate, fra la altre, le condanne per Marco Fabrizio Di Donato (9 anni) per il fratello Roberto Alex e per Francesco Mammoliti (5 anni e 4 mesi) e per l’avvocato penalista torinese Carlo Maria Romeo (4 anni e 6 mesi). (Il Reggino)

Condannato anche l’avvocato penalista torinese Carlo Maria Romeo (4 anni e 6 mesi). a Corte d’Appello ha sostanzialmente confermato le 11 condanne inflitte in primo grado in uno dei due processi dell’inchiesta “Geenna”, riguardanti la presenza della ‘ndrangheta in Valle d’Aosta, variando solo tre pene. (Corriere della Calabria)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr