Molfetta, 19enne arrestato per spaccio

Molfetta, 19enne arrestato per spaccio
La Gazzetta del Mezzogiorno INTERNO

Venerdì, il ragazzo è stato sorpreso nel cedere una dose di cocaina ad un altro molfettese in cambio di denaro di 15 euro.

Molfetta - I carabinieri del Nor Sezione Operativa della Compagnia di Molfetta, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 19enne molfettese.

Le 16 dosi di cocaina sono state sottoposte a sequestro penale, il 19enne è stato accompagnato nella sua abitazione in regime degli arresti domiciliari, a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani

Immediatamente bloccati e perquisiti, il pusher è stato trovato in possesso di altri 4,4 grammi di cocaina suddivisi in 15 dosi occultati negli slip, mentre l’acquirente, identificato e perquisito è stato trovato in possesso della dose appena acquistata. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Operazione Guardia di Finanza per corruzione a Molfetta: arrestato l’ex assessore Mariano Caputo, indagato il sindaco Minervini. In carcere anche altri 9 tra funzionari e imprenditori nel filone dell’inchiesta cosiddetta “Appaltopoli”. (Quindici - Molfetta)

In carcere sono finiti l’ex assessore comunale ai lavori pubblici Mariano Caputo e l’ex consigliera comunale Anna Sara Castriotta, il funzionario comunale Orazio Lisena e sette tra imprenditori e progettisti: Riccardo Di Santo, Andrea Ladogana, Valerio Di Gregorio, Domenico Tancredi, Paolo Conforti, Francesco e Pasquale Ieva. (Il Fatto Quotidiano)

Appalti pilotati in Puglia, finanza smaschera il sistema: 'tangenti' nel portaoggetti dell'auto, corruzione anche durante il lockdown

Agli arresti domiciliari c'e' Vincenzo Manzi, presidente della commissione di gara di uno degli appalti pilotati, e 5 tra imprenditori e dipendenti delle aziende coinvolte: Francesco Sancilio, Mauro Giancaspro, Michele Palmiotti, Maurizio Bonafede, Vito De Robertis (TraniLive)

“L’operazione – spiegano gli inquirenti - costituisce un’ulteriore testimonianza del costante presidio alla legalità esercitato dalla Procura, in stretta sinergia con la Guardia di Finanza, e per la repressione della corruzione nel sistema di gestione degli appalti pubblici, premessa indispensabile per la ripresa economica, messa a dura prova anche dalla persistente emergenza epidemiologica” (FoggiaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr