Altea Federation fa “Coding nelle Scuole” con Informatici Senza Frontiere

La collaborazione di Altea Federation con Informatici Senza Frontiere entra nel vivo del progetto “Coding nelle Scuole”, coinvolgendo gli insegnanti dell’Istituto Comprensivo Don Gnocchi di Arese (Milano)
Lainate, (informazione.it - comunicati stampa - non profit)

Una trentina di insegnanti, frequentanti 20 ore di lezione on line: obiettivo ridurre il digital gap esistente, iniziando con un percorso di introduzione e applicazione del software di programmazione Scratch 3.0, linguaggio visuale potentissimo, sviluppato presso il Media Lab del MIT (Massachusetts Institute of Technology), “Lifelong Kindergarten Group”.

Il contesto

Negli ultimi vent’anni, le tecnologie della comunicazione e dell’informazione si sono sviluppate esponenzialmente. In precedenza, non si era mai assistito a una tale disruption per l’adozione di una tecnologia e tutto ciò porta oggi a un ritardo significativo nella disponibilità di competenze necessarie a soddisfare la domanda di lavoro. Ridurre questo digital gap ha e avrà una ricaduta positiva sull’occupazione giovanile e sulla capacità di innovazione delle imprese del territorio.

In Italia, la maggior parte degli studenti sceglie di specializzarsi in discipline umanistiche, nonostante le richieste di personale con competenze tecnico-scientifiche siano in costante aumento. Un rapporto di Unioncamere indica una difficoltà estesa nel reperimento di lavoratori con competenze STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) da parte delle aziende. Negli ultimi anni si sta però assistendo a un’ulteriore evoluzione dei profili ricercati.

“Non più solo STEM, ma STEAM, dove la “A” amplia la sfera puramente scientifica, includendo discipline artistico-umanistiche, a favore di una professionalità più completa e trasversale. Una sintesi perfetta di conoscenze tecniche, unite a creatività, intuito e a un approccio multidisciplinare: questo è ciò che maggiormente ricerchiamo in Altea Federation” – commenta Andrea Ruscica, President & Strategy Lead. “Avvicinare da subito i giovani a queste abilità sempre più richieste consente non solo di facilitare il loro ingresso nel mondo del lavoro, ma anche di ridurre il digital gap esistente. Ecco perché aiutiamo Informatici Senza Frontiere, un reale valore aggiunto nella diffusione di competenze digitali nel nostro Paese e non solo, fondamentali per far crescere e investire nei talenti del futuro”.

Numerosi studi socio-pedagogici indicano come l’apprendimento della “programmazione” in età fra gli 8/16 anni, sia uno strumento efficace per ridurre il digital gap e la “diffidenza” verso le materie scientifiche. Da una parte, aiuta a demolire pregiudizi («l’informatica è difficile!») e stereotipi («l’informatica non è cosa per ragazze!»). Dall’altra, avvicina gli studenti al pensiero computazionale, per sviluppare una mentalità analitica e un approccio sistematico alla risoluzione dei problemi, imparando a lavorare in modo collaborativo e sviluppando la creatività.

“Le tematiche legate alla responsabilità sociale d’impresa sono e devono essere direttamente legate al contesto socio-economico nel quale le aziende operano. Spesso ci si dimentica che un futuro sostenibile è un futuro nel quale le giovani generazioni siano in grado di mettere a frutto i propri talenti nelle modalità che il mercato del lavoro richiede. Pensare e lavorare per il futuro: questo vuol dire fare sostenibilità.” – dichiara Marco Magaraggia, Co-Founder, Public Tender & Funding Director di Altea Federation e responsabile del team Sostenibilità.

Il progetto “Coding nelle Scuole – Insegnare ad insegnare Scratch”

Il progetto di Informatici Senza Frontiere “Coding nelle Scuole” prevede un corso di programmazione per insegnanti delle Scuole Primarie e Secondarie di 1° grado. Un percorso formativo completo, progettato ed erogato da esperti informatici ISF, che arricchiscono la teoria con esempi svolti collegialmente durante le lezioni, nonché esercizi da completare “a casa”. La scuola e gli insegnanti si impegnano poi a restituire l’insegnamento nei confronti degli alunni nel corso dello stesso anno scolastico, eventualmente assistiti da tutor ISF.

“Con “Coding nelle Scuole” si innesca un meccanismo virtuoso che progressivamente allarga la comunità
di docenti votati alla programmazione e al pensiero computazionale, e di conseguenza accresce il numero
di ragazzi raggiunti (circa 5.000 negli ultimi due anni scolastici, nonostante la pandemia)” – commenta Pierlorenzo Castrovinci, Coordinatore Regionale per la Lombardia di Informatici Senza Frontiere.

Il programma di formazione con gli insegnanti dell’Istituto Comprensivo Don Gnocchi di Arese terminerà nel mese di marzo. Al termine dell’anno scolastico sarà organizzata una giornata di presentazione dei lavori svolti dagli alunni delle classi coinvolte nei laboratori avviati dagli stessi insegnanti; un momento di presentazione e premiazione dei migliori prototipi, che saranno giudicati per innovazione e creatività.

 

About Altea Federation

Da oltre 25 anni Altea Federation collabora con i leader mondiali dell’innovazione tecnologica attraverso un modello di business olonico-virtuale che raccoglie sotto un unico marchio la professionalità e l’alta specializzazione di 20 Aziende: mondi diversi ma complementari che si fortificano a vicenda, mantenendo una forte identità di Gruppo e un approccio inconfondibile alle sfide dettate dai nuovi paradigmi in ambito Consulting, Technology, Digital e Operations. Tra le prime 30 aziende di Software e Servizi IT in Italia (fonte #TOP100 IDC Italia 2021), con circa 1.500 persone focalizzate sui bisogni del cliente, una presenza capillare sul territorio italiano ed estero, Altea Federation è Partner di prestigiosi brand del tessuto imprenditoriale nazionale e internazionale.

> alteafederation.it

About Informatici Senza Frontiere

In un mondo che cambia, Informatici Senza Frontiere propone un nuovo uso della tecnologia, più intelligente, sostenibile e solidale. Offre il proprio tempo, le proprie competenze, esperienze e passioni informatiche per realizzare progetti no profit, privilegiando contesti di emarginazione e difficoltà e situazioni di emergenza, in Italia e nei Paesi in via di sviluppo. Lavora per colmare il divario digitale e per favorire un processo di crescita, individuale o di gruppo, che porti ciascuno ad appropriarsi consapevolmente delle proprie potenzialità attraverso le conoscenze e le tecnologie informatiche. Si fonda sui valori del rispetto della dignità umana e della solidarietà e fa delle parole inclusione e sviluppo il proprio credo. Nata nel 2005 Informatici Senza Frontiere è una APS che ha oggi 12 sezioni regionali, oltre 300 soci, centinaia di progetti al suo attivo ed un’importante presenza al Vertice Mondiale 2013 ITU dell’ONU come rappresentante a livello europeo di ciò che l’IT può fare nel settore della disabilità.

> informaticisenzafrontiere.org

Connect with us

 Valentina Bonetto [email protected]

Branding & Communication Master Advisor

Elena Meazza [email protected]

Senior PR Account

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Identity Office
Altea Federation
Italia
[email protected]