PATRIZIA POLESE - Esposizione Personale

Dal 15 Ottobre al 19 Novembre 2016. Inaugurazione: 15 Ottobre 2016, ore 18.00. Luogo: Galleria Berga, Contrà Porton del Luzzo, 16 - Vicenza - www.galleriaberga.it – info@galleriaberga.it Orari: dal martedì al sabato, 16.30 - 19.30.
Vicenza, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura) Durante la serata di inaugurazione, sarà proiettata una videoinstallazione, pensata sull'artista in mostra, dell'Associazione Culturale UBIKteatro. Associazione che opera dal 2007 con istallazioni e performance presentate in numerose gallerie italiane ed estere.

PATRIZIA POLESE – Esposizione personale

Con Patrizia Polese, Galleria Berga ricerca lo spazio del respiro, della comunanza, della riflessione. Come artista, innanzitutto, Patrizia Polese non prescinde dalla sua umanità, ossia dal suo essere viva e vitale nel mondo. Come in ogni essere umano, in lei coesistono e si fortificano a vicenda, varie esistenze: Patrizia donna-moglie, Patrizia donna-madre, Patrizia donna-che si dedica ad un mestiere. Accorpando le tre immagini otteniamo un essere umano completo, presente alla sua esistenza e che, nel suo caso, si realizza come artista. Per Patrizia l’“essere” artista precede il “produrre” l’opera d’arte, nell’ambito di un processo spirituale, introspettivo, caparbio: prima delle sculture, sintesi proporzionata della sua espressione artistica, si manifesta l’attitudine a stabilire “legame” con l’altro. Patrizia si sente ben supportata dalla duttilità esecutiva che le presta la tessitura, nella sua naturale propensione a creare “trame”, a connettere il suo universo interiore a quello degli altri esseri umani, arrivando a far percepire a chi le sta intorno la grandezza, la vastità e l’immensità che unisce ogni uomo, non unico, ma partecipe di un insieme armonico. In mostra, con una personale in Galleria Berga, Patrizia Polese sceglie la circolarità, la continuità, il fluire, potente e lieve allo stesso tempo. Vorace, sanguinoso e lucente, allo stesso tempo. Con meticolosa attenzione ai ritmi compositivi, la Berga perde la sua originaria dominanza spaziale, assimilando completamente la poetica di un’artista. Ed è, così, che si ha una nudità che sconvolge, che si fa scultura, che scuote, che abbraccia. I materiali usati, quali fili di ferro, rame, iuta, ottone, oro, sisal, si intrecciano per darci la sagoma di un orecchio, il volume di un muscolo, un cuore che pulsa, l’iride di un occhio. Nella infinita vastità delle forme, che si confondono in uno scenario apparentemente naturale, per cui l’iride potrà sembrare anche un fiore, l’orecchio una medusa ed un muscolo umano la corteccia di un albero, è allentato il confine tra Uomo e Natura, per cui dall’uno nasce l’altra, nell’altra si perde l’uno, in un continuo inizio e ritorno. E se in mostra è esposto, nell’accezione precisa del “reso oggetto di osservazione”, l’umano corpo, faccia di una nuda natura, o potremmo anche dire l’inverso, corpi di natura, faccia di una nudità umana, il percorso ottico generato dall’alternanza dei pieni e dei vuoti, dalle scale dimensionali volutamente non lineari, dalle cromie modulate sui magenta, le acque marine, i neri e l’oro, induce un movimento, intorno a noi e dentro di noi, così forte da dare un capogiro. Tornando ai tre aggettivi iniziali la “comunanza” descrive l’artista come “uno di noi”, uno “in mezzo” a noi, e l’arte da lui prodotta come “parte di noi” tutti, mentre la riflessione è indotta sul “partecipante” (vogliamo parlare di esperienza, più che di osservazione di opere!) dalla presenza di molti ritratti. Patrizia Polese usa la sua immagine come pretesto iniziale per inaugurare una serie, quella dei “ritratti esistenziali”, come da lei stessa chiamati. Su sottili fogli di carta pergamena intravediamo il suo volto ed il suo corpo, in pose raccolte, scostate, prestate allo sguardo degli altri, ma senza sfrontatezza. Non è, infatti, l’immagine esteriore, a cui siamo abituati a reagire, o che tendiamo a giudicare istintivamente, che richiama l’attenzione, ma la “Patrizia dubbiosa”, quella i cui pensieri sono così pressanti e pesanti sul capo da aggrovigliarsi in fili di cotone coloratissimi, o la “Patrizia tenera e tenace”, le cui gambe generano fiori, o frutti, o “LE PatriziE”, quella bambina e quella adulta, sovrapposte, nel lacerante ricordo di un passato che non può dimenticare. Ago, filo, oro, tessuti, nell’elaborazione artistica, descrivono con maggiore impatto e verità quello che anima l’”interiore”. Fermiamoci a respirare, e a riflettere sul valore delle nostre vite, perché è dalla decisione di “dare valore” alla sua vita, che un’artista comincia ad essere veramente tale.
PATRIZIA POLESE - Esposizione Personale
Elisa Schiesari


Patrizia Polese

Dopo una lunga esperienza nel campo del restauro (Milano-Venezia, 1993-97), la passione artistica e tessile l’ha portata ad approfondirne la ricerca partendo dal quotidiano, dal transitorio e dall’effimero. Ha conseguito il diploma alla Scuola d’Arte Applicata del Castello Sforzesco di Milano, con specializzazione nell’arte della tessitura (1995). Attraverso la passione artistica, è alla continua ricerca di un linguaggio comune tra tutte le cose, un intersecarsi non solo di spazio e tempo ma anche di elementi umani, animali e vegetali. Un tentativo costante che ha come obiettivo il risveglio delle coscienze alla verità della non separazione tra l’io e l’ambiente e di come tutto sia governato dalla percezione individuale attraverso la quale tutto si compone, si scompone e si collega. Oltre alla tessitura bi e tridimensionale utilizza differenti medium come il disegno, le installazioni, la fotografia. Espone regolarmente le sue opere in esibizioni personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nel 2016 partecipa alla nona edizione del Triennale Design Museum “W. Women in Italian Design” di Milano. Tiene regolarmente corsi di tessitura a privati e nelle scuole pubbliche. Collabora con aziende nel campo della moda e del design.
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Stefano Pausa
 Galleria Berga (Leggi tutti i comunicati)
Contrà Porton del Luzzo 16
36100 Vicenza Italia
info@galleriaberga.it
0444235194
Allegati
Fabrizio Romagnoli torna a Palermo il 15 e 16 ottobre 2016 con il suo Workshop di Interpretazione Canora Fabrizio Romagnoli torna a Palermo il 15 e 16 ottobre 2016 con il suo Workshop di Interpretazione Canora  -  Fabrizio Romagnoli torna a Palermo il 15 e 16 ottobre 2016 con il suo Workshop di interpretazione canora. Il luogo scelto per il corso è il Roxy Studio a Partanna Mondello. Saranno 16 ore di full immersion nel canto, nell'interpretazione e nello…
8,9,15,16 ottobre ingresso gratuito a Palazzo del Podestà per Bergamoscienza 8,9,15,16 ottobre ingresso gratuito a Palazzo del Podestà per Bergamoscienza  -  In occasione della XIV edizione di Bergamo scienza, nei giorni 8, 9, 15 e 16 ottobre l’ingresso al Museo del Cinquecento a Palazzo del Podestà (Piazza vecchia, Città alta, Bg) sarà gratuito, per permettere a tutti i visitatori di godere della Mostra-laboratorio allestita al…
I TIROMANCINO dall’11 al 15 ottobre 2016 in residenza al Teatro Gentile di Fabriano  -  I TIROMANCINO ANNUNCIANO LA DATA DI FABRIANO SUI SOCIAL. BOOM DI LIKE DEI FAN. La band di Federico Zampaglione dall’11 al 15 ottobre in residenza al Teatro Gentile «Con la nostra musica ripartiremo dalle Marche, il 15 ottobre a Fabriano al Teatro Gentile,…
Brexit & Global Expansion Summit, 16-18 ottobre 2016 Brexit & Global Expansion Summit, 16-18 ottobre 2016  -  Fernando Faria, imprenditore ed ex Conference director del Mobile World Congress, ha oggi annunciato il lancio del Brexit & Global Expansion Summit, il maggior evento mondiale sull'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, che si svolgerà dal 16 al 18 ottobre presso l'hotel…
Festival "Mente Locale – Visioni sul territorio" a Vignola (MO), dal 15 al 20 novembre 2016  -  Mente Locale – Visioni sul territorio: ------- C’è tempo fino al 25 settembre per iscrivere la propria opera a Mente locale – visioni sul territorio, il concorso nazionale che seleziona il meglio della produzione audiovisiva italiana sul tema…
Loading....