La scelta del rivestimento del divano secondo Biesse Divani

I professionisti di Biesse Divani, impresa artigianale brianzola specializzata nella realizzazione e nella vendita di pregiati divani completamente Made in Italy, spiegano come orientarsi nella scelta del rivestimento del sofà valutando innanzitutto i propri bisogni e le proprie esigenze.
Milano, (informazione.it - comunicati stampa - varie)

Milano, agosto 2022 – Il divano rappresenta l’elemento centrale del soggiorno, quello su cui si posa lo sguardo non appena varcata la soglia della stanza e, proprio per questo motivo, la scelta non solo del modello, ma anche del rivestimento giusto riveste un’importanza fondamentale. È anche molto importante fare una valutazione di quelle che sono le proprie esigenze e la propria situazione: se per esempio a casa ci sono bambini piccoli e animali, la scelta di un tipo di rivestimento sarà più indicata rispetto ad un’altra. 

Come spiegano gli esperti di Biesse Divani – azienda brianzola che si occupa di progettare, fabbricare e vendere divani artigianali – le opzioni per il rivestimento del divano sono sostanzialmente due: la pelle e il tessuto. 

Il divano in pelle è senza dubbio un complemento d’arredo raffinato e che dura negli anni: questo tipo di rivestimento, infatti, è molto robusto e, allo stesso tempo, dona eleganza e stile unici al soggiorno. Un altro indubbio vantaggio della pelle è la facilità di pulizia: basta utilizzare i prodotti giusti e la manutenzione di un divano in pelle richiederà pochissimo sforzo, perfetta per chi non ha troppo tempo da dedicare ai lavori di casa.

La pelle migliore per il rivestimento del divano è la cosiddetta pieno fiore, che si distingue per la grana naturale e non stampata e per la straordinaria morbidezza. L’alternativa è la pelle smerigliata, che ha un aspetto più regolare e un costo maggiormente accessibile. 

L’altra opzione principale per il rivestimento del divano è rappresentata dal tessuto, che può essere non sfoderabile oppure sfoderabile e lavabile. Nel primo caso l’attenzione per la qualità del prodotto deve essere accompagnata da una speciale cura: i divani in tessuto non sfoderabile necessitano di una pulizia periodica con i giusti prodotti e, in generale, occorre avere maggiore riguardo per evitare le macchie proprie dell’utilizzo quotidiano, come per esempio quelle alimentari. Per fortuna, al giorno d’oggi sono molto diffusi anche specifici rivestimenti in tessuto antimacchia, molto pratici e igienici: perfetti in caso di bambini piccoli o animali domestici!

Il rivestimento in tessuto sfoderabile e lavabile è senz’altro più pratico da gestire, in particolare se il materiale è sintetico (opzione, questa, anche più economica). Se, invece, si sceglie un rivestimento in fibre naturali, come lana, lino o cotone (materiali piuttosto delicati), oltre a prevedere un budget sicuramente più elevato, bisogna mettere in conto anche una manutenzione più attenta. 

Tra i vari tessuti disponibili sul mercato ci sono anche materiali come velluto, tela, viscosa e tessuti misti.

Nella scelta del rivestimento più adatto per il divano, concludono gli specialisti di Biesse Divani, occorre tenere in considerazione anche il colore, che deve essere coerente con le tonalità della stanza in cui è collocato. In generale, i toni scuri fanno risaltare il prodotto, mentre le nuance più chiare ne mitigano la presenza, ma rendono lo spazio più arioso. 

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni