Teatro Arena del Sole, Bologna "Racconti della foresta di Arden" ovvero La tempesta, da William Shakespeare . Compagnia Arte e Salute, adattamento e regia di Nanni Garella

Produzione ERT / Teatro Nazionale, in collaborazione con Associazione Arte e Salute, Regione Emilia-Romagna Progetto “Teatro e salute mentale”, Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna. Dal 30 novembre al 12 dicembre 2021
Forlì, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura)

Teatro Arena del Sole - Via Indipendenza 44, Bologna

Sala Thierry Salmon .

 

"Racconti della foresta di Arden"

ovvero La tempesta

da William Shakespeare

adattamento e regia di Nanni Garella

 

Personaggi e interpreti:

Prospero - Nanni Garella, Calibano - Carmelo Crisafulli, Ferdinando - Matteo Gatta, Antonio - Luca Bandiera,

Alonso - Luca Formica, Sebi - Barbara Esposito, Miranda - Pamela Giannasi, Gonzala - Iole Mazzetti, Stefano - Matteo Alì, Ariel - Mirco Nanni, Trinculo - Roberto Risi.

 

Assistente alla regia Nicola Berti.

Direttore di scena Davide Capponcelli.

Costumi Elena Dal Pozzo.

luci Luca Diani.

Suono Massimo Nardinocchi.

Elementi scenici a cura di Laboratorio ERT / Teatro Nazionale.

 

Produzione ERT / Teatro Nazionale , in collaborazione con Associazione Arte e Salute, Regione Emilia-Romagna Progetto “Teatro e salute mentale”, Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna

 

Dal 30 novembre al 12 dicembre 2021 

dal martedì al venerdì ore 20.00 | sabato ore 19.30 | domenica ore 16.30

venerdì 10 dicembre ore 10.30.

 

 

 

produzione ERT / Teatro Nazionale

in collaborazione con Associazione Arte e Salute, Regione Emilia-Romagna Progetto “Teatro e salute mentale”, Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna.

(durata 80 minuti).

 Torna in scena al Teatro Arena del Sole di Bologna la compagnia Arte e Salute diretta da Nanni Garella, con il nuovo spettacolo, prodotto da ERT / Teatro Nazionale, Racconti della foresta di Arden - ovvero La tempesta, in prima assoluta dal 30 novembre al 12 dicembre.

Dopo A piacer vostro del 2019 e La dodicesima notte del 2021, Nanni Garella prosegue quindi la sua indagine intorno all'universo metaforico shakespeariano con gli attori/pazienti psichiatrici della storica compagnia. Attiva dal 2000, Arte e Salute ha realizzato più di 20 produzioni: un lavoro unico in Italia e che ha varcato anche i confini nazionali, da Barcellona e Pechino nel 2015, fino al Giappone nel 2018 con La persecuzione e l’assassinio di Jean-Paul Marat di Peter Weiss.

 

In questo nuovo viaggio di Arte e Salute, i personaggi si muovono fra Shakespeare, Beckett e le follie del nostro tempo: la foresta di Arden diventa il simbolo di un luogo primitivo e incantato, non contaminato dal progresso, in cui l’uomo vive in perfetta sintonia con la natura.

 

«Esiste ancora la foresta di Arden? O è stata forse spazzata via dal grande uragano della civiltà contemporanea? – Scrive Nanni Garella – La grande invenzione di Shakespeare, la foresta limitrofa alla città, suo specchio, luogo delle trasfigurazioni e delle metamorfosi, deposito di antichi racconti di magia, d’amore, di armonia fra uomo e natura, tutto questo è morto per sempre nell’immaginario dell’uomo moderno?».

 

«Sembrerebbe di sì, a giudicare dalla prosaicità con cui gli uomini nostri contemporanei trattano la vita e le sue complicazioni morali, – prosegue il regista – compreso il rapporto con la natura, che torna ad essere nemica, dopo la grande illusione del dominio su di essa.

C’è ancora soltanto una qualche isola, sperduta in un mare non lontano dalle nostre coste, nella quale vivono uomini sopravvissuti al big bang del nostro tempo, popolata di strane creature: maghi, spiriti, voci e armonie musicali. È come l’isola de La tempesta, dove Prospero riesce in due ore a ridare un ordine morale al suo mondo, ma ci lascia sbigottiti e amari di fronte a ciò che verrà».

 La compagnia Arte e Salute nasce dal fortunato incontro tra Nanni Garella, Filippo Renda e Angelo Rossi. Alla base del progetto vi è una visione della cura psichiatrica non solo come terapia medica strettamente legata ad atti sanitari, ma come attenzione costante alla soggettività delle persone, per scoprirne attitudini, talenti e capacità rimaste inespresse.

Inizialmente viene avviato, con la collaborazione della Provincia di Bologna, un corso di formazione, una sorta di “accademia” diretta da Garella stesso, con il supporto di altri docenti e del personale del Dipartimento Salute Mentale di Bologna. I diplomati diventano parte di Arte e Salute Onlus, pazienti-attori coinvolti negli anni in pièce con affermati interpreti della scena italiana.

Dal 2007 la compagnia collabora stabilmente con Nuova Scena-Arena del Sole, un rapporto fruttuoso ereditato da ERT / Teatro Nazionale dal 2014 per realizzare nuove ed importanti produzioni e tournée estere.

 

Nanni Garella (Campobasso,1951) è laureato in Giurisprudenza all’Università di Bologna e diplomato all’Accademia Antoniana di Arte Drammatica di Bologna. Dal 1974 al 1976 lavora come attore al Teatro stabile di Torino con Aldo Trionfo. Dal 1977 al 1981 è regista assistente di Virginio Puecher e Massimo Castri. Intraprende così la carriera di regista, che affianca a quella di attore, realizzando per il Centro Teatrale Bresciano diversi spettacoli, come Veronica, scritto con Ettore Capriolo, Elettra, Ricorda con rabbia di John Osborne, Masnadieri, da Schiller, Agamennone di Vittorio Alfieri.

L’attività di regista prosegue con Una vita nel teatro di David Mamet, con Glauco Mauri, Signorina Giulia di August Strindberg, al Teatro dell’Elfo di Milano, Con la penna d’oro di Italo Svevo, al Teatro Filodrammatici di Milano, Jack lo sventratore di Vittorio Franceschi, a Spoleto, A piacer vostro di William Shakespeare, sempre al Teatro dei Filodrammatici di Milano.

Dal 1993 collabora con Nuova Scena a Bologna, dove realizza Gli innamorati di Carlo Goldoni e Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. A partire dalla stagione 1993/94 dirige inoltre la compagnia del Teatro Stabile Friuli-Venezia Giulia, con cui mette in scena Intrigo e amore di Schiller e Medea di Grillparzer. Dal 1995 è regista stabile al Teatro Arena del Sole di Bologna dove realizza numerosi spettacoli, tra i quali: Ista laus, dai Laudari umbri del ‘300, Arlecchino servitore di due padroni di Carlo Goldoni, Woyzeck di George Büchner, Il campiello di Carlo Goldoni, Miseria e nobiltà di Eduardo Scarpetta, I giganti della montagna di Pirandello, Zio Vanja e Platonov di Cechov.

Dal 1999 fonda e dirige la compagnia teatrale Arte e Salute con la quale realizza, tra gli ultimi titoli, La dodicesima notte (2021), Personaggi in cerca d’autore (underground) (2019) Fantasmi (2026), Nuvole (2016), La persecuzione e l’assassinio di Jean-Paul Marat (2014) Miseria e nobiltà (2013). 

Nella sua lunga attività di formazione ha insegnato alla Civica Scuola e Teatro Filodrammatici di Milano, Centro Teatrale Bresciano, Scuola Gassmann di Firenze, Scuola Galante Garrone di Bologna. I premi: Premio della critica teatrale 1995, Premio Hystrio 2003, Premio Ubu 2004, Premio Gassman 2006, Premio Anima 2013, Premio della critica teatrale 2013.



 




Informazioni:

Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44 – Bologna

Prezzi dei biglietti: da 7 € a 15 € esclusa prevendita

Biglietteria: dal martedì al sabato dalle ore 11.00 alle 14.00 e dalle 16.30 alle 19.00

Tel. 051 2910910 - [email protected] | bologna.emiliaromagnateatro.com 

 

Ingresso consentito ai possessori di green pass come definito nel DPCM n.105 del 23/07/2021, art.3 comma 4. Per i minori di 12 anni non è previsto l’obbligo del green pass.

Da quest’anno sarà possibile utilizzare i biglietti in formato elettronico. Acquistando biglietti on-line o telefonicamente si riceverà una conferma via mail che potrà essere utilizzata per entrare in sala senza necessità di passare dalla biglietteria.  

 

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Allegati