Le soluzioni TOUGHBOOK per il cantiere digitale di KIBAG

La società svizzera di ingegneria civile KIBAG ha scelto i dispositivi Panasonic TOUGHBOOK per realizzare il proprio progetto di cantiere digitale, affidandosi ai tablet fully rugged TOUGHBOOK G2, ideali per i lavoratori sul campo anche in condizioni difficili. Il progetto prevede una soluzione BIM completa, che consente la condivisione di informazioni in tempo reale e la digitalizzazione dei processi, ma anche la possibilità per i partner esterni di appoggiarsi a un vero e proprio ufficio.
Milano, (informazione.it - comunicati stampa - industria)

KIBAG, società svizzera di ingegneria civile, compie l’ultimo passo verso la digitalizzazione del cantiere con la realizzazione dell’ufficio digitale. Lavoratori e appaltatori possono ora visualizzare e modificare progetti edilizi completamente digitalizzati; per il lavoro in cantiere, il caposquadra dispone del tablet Panasonic TOUGHBOOK G2, che lo assiste durante il lavoro abbreviando i tempi di esecuzione e minimizzando gli errori di costruzione. 

Digitalizzazione dei compiti
KIBAG è pioniera nella realizzazione di progetti digitali. "Dal momento che in ufficio avevamo già digitalizzato tutti i flussi di lavoro rilevanti, ci sembrava logico completare la digitalizzazione fino al cantiere. In altre parole, implementare il BIM2Field e metterlo a disposizione del capo cantiere,” spiega Manuel Weyermann, digital project manager di KIBAG Bauleistungen. Così è nato il progetto di realizzazione del cantiere digitale.

Un elemento centrale e fondamentale in ogni cantiere sono gli uffici, dove sono disponibili a tutti in forma cartacea i documenti di pianificazione ed esecuzione. Tuttavia, le fasi di lavoro su carta non possono essere elaborate e confermate automaticamente, i modelli 3D non possono essere visualizzati e non è disponibile l’interfaccia per un feedback immediato da parte del dipartimento di progettazione. Per affrontare questa sfida, KIBAG ha voluto al suo fianco un partner come Panasonic Business, con l’obiettivo di raccogliere tutte le informazioni e i flussi di lavoro del cantiere in forma digitale, oltre alla possibilità di visualizzare ed elaborare direttamente in loco - nell’area di costruzione - processi come dettagli di esecuzione, istruzioni di lavoro, ordini, documenti di consegna, logistica e rapporti.

La soluzione BIM per ufficio cantiere, sviluppata nel progetto pilota, consiste in un tablet Panasonic TOUGHBOOK G2 con docking station e display Panasonic Pro Display 49" ad alta risoluzione 4K della serie SQ, con sistema di presentazione integrato Cynap Pure Wireless. Un router Wi-Fi 4G con antenna esterna assicura invece connessioni di rete stabili. Tutti questi elementi sono stati inseriti in un piccolo container, che può essere allestito in modo flessibile in vari cantieri. “Il formato è ideale per diversi progetti e fasi di costruzione,” afferma Mario SülzProject Manager di KIBAG.

TOUGHBOOK, la soluzione ideale per i lavoratori sul campo, anche in condizioni difficili
Fino a questo momento, i capi squadra nei cantieri KIBAG lavoravano su progetti cartacei. Le modifiche dovevano quindi essere apportate in ufficio, inserite digitalmente, stampate e infine consegnate al cantiere. In futuro, ci saranno invece aggiornamenti tempestivi e una comunicazione bidirezionale, particolarmente utili se la realtà di cantiere si discosterà dalle specifiche di progettazione.

“Poter essere sempre aggiornati durante le fasi di costruzione è per noi il più grande vantaggio,” dice Manuel Weyermann, digital project manager di KIBAG Bauleistungen. “Ci permette di risparmiare tempo prezioso durante l’esecuzione e minimizza gli errori. Inoltre, se dovesse succedere qualcosa riceviamo un feedback immediato dai nostri cantieri.”

TOUGHBOOK per affrontare le condizioni difficili nei cantieri edili
I capi cantiere di KIBAG apprezzano il nuovo concetto di ufficio cantiere digitale e le sue dotazioni. “Siamo molto soddisfatti dei dispositivi Panasonic TOUGHBOOK. Sono facili da maneggiare e sufficientemente robusti per l’utilizzo in cantiere. Apprezzo soprattutto l’autonomia, perché resiste per un intero turno. Il display touchscreen del TOUGHBOOK G2 è facile da leggere alla luce diretta del sole, e può essere utilizzato anche con i guanti da lavoro. Il device resiste a pioggia, polvere, freddo e caldo. Una soluzione semplice e intuitiva,” afferma Renó Meinel, caposquadra di KIBAG. 

Digitalizzazione per una maggiore flessibilità
"Ciò che mi piace particolarmente del device Panasonic è la possibilità per i partner esterni di condividere sullo schermo contenuti tramite telefono, tablet o notebook in modo molto flessibile, utilizzando l’interfaccia wireless. Per esempio, un subappaltatore può mostrare i progetti dal suo tablet, indipendentemente dal sistema operativo e senza l’utilizzo di cavi, adattatori o l’installazione di programmi,” continua Manuel Weyermann. Questo è possibile perché il display Panasonic è dotato di uno slot SDM per la registrazione di un modulo Cynap Pure, e ciò consente la trasmissione senza fili delle immagini di tutti i formati comuni come Miracast, AirDrop, Chromecast e altri ancora. I device possono trasmettere contenuti ad hoc al display Panasonic SQ1, indipendentemente dal sistema operativo e dalla risoluzione. Questo significa che architetti, fornitori, artigiani e periti possono facilmente utilizzare l’ufficio cantiere digitale di Panasonic per comunicare con il team.

Panasonic, un partner affidabile
Per KIBAG era molto importante trovare una soluzione tecnicamente matura e affidabile. “Abbiamo scelto i dispositivi Panasonic perché in cantiere abbiamo molti anni di esperienza insieme ai loro device. Sono molto robusti, adatti all’uso quotidiano in cantiere e fra qualche anno saranno ancora disponibili nello stesso form factor” afferma Mario Sülz, Project Manager di KIBAG.

Maggiori informazioni sulla partnership sono disponibili a questo link: https://business.panasonic.co.uk/mobile-solutions/case-study/toughbook-g2-standard-case-study-en

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr