FM Logistic: emissioni zero entro il 2030 e un nuovo strumento per la salute dei dipendenti. Il gruppo pubblica il suo primo report sullo sviluppo sostenbile

Ecco i recenti traguardi di FM Logistic, il gruppo attivo nel settore dello stoccaggio, del trasporto e del packaging con un giro d’affari di 1,318 miliardi di euro, sul tema della sostenibilità ambientali delle sue attività e del nuovo esoscheletro progettato per gli operatori di magazzino
Milano, (informazione.it - comunicati stampa - trasporti)

Milano, 4 dicembre 2019 – Piattaforme in grado di ridurre del 20% le emissioni di CO2, 60% dei flussi logistici gestiti con mezzi a ridotto impatto ambientale, certificazione per la sicurezza sul lavoro per tutti i siti e il lancio di un nuovo strumento per tutelare la sicurezza degli addetti di magazzino: sono solo alcuni dei traguardi raggiunti da FM Logistic. Il gruppo attivo nel settore dello stoccaggio, del trasporto e del packaging con un giro d’affari di 1,318 miliardi di euro, ha pubblicato in un report i risultati ottenuti grazie alle attività di sviluppo sostenibile in ambito lavorativo e ambientale. Lo studio, ricco di animazioni video e infografiche, è disponibile qui.

Il piano a favore della sostenibilità di FM Logistic, formalizzato nel 2018, si basa su tre pilastri: garantire benessere e sicurezza dei propri collaboratori, ridurre l’impatto ambientale delle sue attività e sviluppare soluzioni sempre più sostenibili. Oggi FM Logistic è la prima azienda logistica francese ad avere ottenuto la certificazione ISO 45001 per tutte le sue piattaforme. Inoltre, nelle scorse settimane il Gruppo ha presentato Ergoskel, un esoscheletro sviluppato insieme all'Université de Technologie de Compiègne e progettato per aiutare gli addetti di magazzino nella movimentazione dei pacchi. I primi test hanno dimostrato che questo nuovo strumento riduce del 70% lo stress fisico di schiena e muscolatura superiore.

Sotto il profilo della tutela ambientale FM Logistic si è posta l’obiettivo di raggiungere la neutralità carbonica entro il 2030. La collaborazione con NG Concept, la sua consociata società di ingegneria edile, ha permesso di ottenere la certificazione LEED per tutti i siti logistici costruiti dal 2016, che consentono una riduzione del 20% delle emissioni di gas serra. Inoltre, il 60% dei flussi logistici è gestito attraverso l’impiego di una flotta composta da mezzi Euro 5 o a impatto zero. Infine grazie al Pooling, la soluzione che permette di unificare i processi logistici di diversi clienti, FM Logistic è in grado ogni anno di limitare del 35% la sua impronta carbonica nei trasporti.

“Gli indicatori finanziari non bastano a restituire un quadro reale delle performance nella logistica” afferma Charlotte Migne, Sustainable development Director di FM Logistic. “Con la misurazione degli aspetti positivi e negativi delle nostre attività sull’ambiente e sulla società, intendiamo fornire ai nostri clienti, collaboratori e partner informazioni più complete che permettano di prendere buone decisioni. Questo è un passo in avanti verso una logistica sostenibile.”

Nel 2019 FM Logistic ha ricevuto una classificazione “Gold level” da EcoVadis e un “B-” da CDP, due agenzie di rating extra-finanziarie. Il 25 novembre FM Logistic ha poi ottenuto lo Special Jury Prize per lo sviluppo sostenibile al “Trophée Défi RSE 2019”, un premio assegnato dai Ministeri francesi di Economia e Finanza e per la Transizione ecologica e solidale.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Simone Iemmolo
 Haiku Rp (Leggi tutti i comunicati)

simone.iemmolo@haikurp.it