Bologna 2 Agosto 1980-2020: Brusciano presente con il Gonfalone ed il Sindaco Peppe Montanile. (Scritto da Antonio Castaldo)

Sindaco Montanile: “Quest'anno ricorre il 40° anniversario di quella infame strage fascista, e per la prima volta il Comune di Brusciano sarà presente a Bologna, grazie all'invito del Presidente del Comitato di Solidarietà alle Vittime delle Stragi e del Sindaco di Bologna, alla cerimonia di commemorazione delle vittime di tutte le stragi. L'Amministrazione Comunale sente il dovere di essere vicino ai familiari dei nostri concittadini che in quel giorno persero la loro vita".
Brusciano NA, (informazione.it - comunicati stampa - politica e istituzioni)

Bologna 2 Agosto 1980-2020 : Brusciano presente con il Gonfalone ed il Sindaco Peppe Montanile . (Scritto da Antonio Castaldo)

 

Quaranta anni fa, il 2 Agosto 1980, alle ore 10,25, un attentato terrorista neofascista con 23 chili di esplosivi produceva la Strage alla Stazione di Bologna. Furono 85 le vittime, una non venne mai identificata. I feriti furono 200.  Il 13 luglio 1981 il Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, conferiva al Gonfalone della Città di Bologna “Medaglia d’Oro al Valore Civile” con questa motivazione: “A seguito del criminale attentato terroristico che sconvolse duramente la Città, l'intera popolazione, pur emotivamente coinvolta, dava eccezionale prova di democratica fermezza e di civile coraggio. In una gara spontanea di solidarietà collaborava attivamente con gli Organi dello Stato, prodigandosi con esemplare slancio nelle operazioni di soccorso. Contribuiva così per la tempestività e l'efficienza a salvare dalla morte numerose vite umane, suscitando il plauso e l'incondizionata ammirazione della Nazione tutta. Agosto 1980.” Nel 2010 i luoghi, che hanno visto il più alto numero di vittime di un attentato nella storia dell’Italia, sono stati dichiarati “Patrimonio dell’UNESCO per la Pace”.

Ad oggi sono stati condannati in tre quali esecutori e in quattro per depistaggio delle indagini. Nessun mandante è stato ancora individuato, ma nuovi scenari potrebbero ancora aprirsi. L’Associazione tra i familiari delle Vittime della Strage di Bologna del 2 Agosto 1980, oggi con il Presidente Paolo Bolognesi, forte dell’inchiesta della Procura Generale di Bologna, sui mandanti della Strage del 2 agosto 1980, per il 40° Anniversario hanno predisposto un manifesto che così recita: “La strage è stata organizzata dai vertici della loggia massonica P2, protetta dai vertici dei servizi segreti italiani, eseguita da terroristi fascisti”.

Il Sindaco, Dott. Virginio Merola, intervenuto in apertura del Consiglio Comunale di Bologna, il 27 luglio 2020, ha così concluso il suo intervento: “Per Bologna la memoria è un esercizio costante, è impegno civico nel presente, è coraggio civico. Il coraggio civico che Bologna dimostrò sia il 27 giugno che il 2 agosto 1980. Saremo in piazza Maggiore nelle modalità previste dalle norme anti Covid e riaffermeremo insieme la nostra ostinata richiesta di verità e giustizia. In piazza ascolteremo, alle 10.25, il fischio che in tutti questi anni ha lacerato l’aria come la bomba lacerò vite e speranze. E mostreremo -ne sono certo- ancora una volta, quello che siamo e vogliamo continuare a essere: una comunità padrona del proprio destino, non di quello degli altri. Un esempio e una speranza per il nostro Paese”.

Nel Quarantesimo Anniversario, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che il 30 luglio 2020, in una visita storica, in forma privata, è giunto sotto le Due Torri, accolto dal Cardinale Matteo Maria Zuppi con il quale ha partecipato alla Santa Messa in suffragio, nel rendere omaggio alle 81 vittime della Strage di Ustica e alle 85 vittime della Strage alla Stazione ha così sintetizzato il senso della sua presenza a Bologna: “Dolore, ricordo e verità piena”. E’ il secondo Capo dello Stato ad essere presente alle commemorazioni, dopo Sandro Pertini, che il pomeriggio dello stesso 2 agosto 1980 si recò sul posto del vile attentato.

Fra le 85 vittime del 2 Agosto 1980 vi furono anche due cittadini di Brusciano in provincia di Napoli. Salvatore Lauro, di 57 anni, nato ad Acerra l’11 agosto del 1923 e Velia Carli, di 50 anni, nata a Tivoli il 2 settembre del 1930. Loro che attendevano a Bologna il ritardatario treno per Mestre dove mai vi giunsero tornarono a casa in due bare. I coniugi Lauro vivevano serenamente con i figli, Maria Grazia, Patrizia, Rosanna, Aurora, Gennaro e Francesca a Brusciano dall’8 agosto del 1973.

Per il 40° Anniversario della Strage, Bologna 2 Agosto 1980-2020, sarà presente, per la prima volta, anche il Comune di Brusciano con il suo Gonfalone civico ed il suo Sindaco, Avv. Giuseppe Montanile.  Come si evince dalla lettura del lungo ed intenso post sulla pagina FB Peppe Montanile Sindaco di Brusciano: “Quest'anno ricorre il 40° anniversario di quella infame strage fascista, e per la prima volta il Comune di Brusciano sarà presente a Bologna, grazie all'invito del Presidente del Comitato di Solidarietà alle Vittime delle Stragi e del Sindaco di Bologna, alla cerimonia di commemorazione delle vittime di tutte le stragi. L'Amministrazione Comunale sente il dovere di essere vicino ai familiari dei nostri concittadini che in quel giorno persero la loro vita, a causa di un criminale disegno di destabilizzazione della democrazia”.

Il Sindaco Montanile sarà assistito da un componente del suo staff, l’Architetto Luigi Romano. Insieme a loro a condividere la partecipazione civica ci sarà il sociologo e giornalista Antonio Castaldo che ritorna a Bologna con uno commosso ricordo personale: «presi parte attivamente al Primo Anniversario dell'attentato alla Stazione di Bologna  contribuendo al  «Foglio dei Quattro Giorni” che si stampava con l’intento diessere un registro, sia pure essenziale, degli stati d’animo, dei pensieri, delle speranze, delle aspettative dei sentimenti dei giovani convenuti a Bologna per le Manifestazioni del 2 agosto” con il coordinamento, nella Sala Accursio in Piazza Maggiore, a  cura di Bruno Brunini, Maurizio Maldini, Nicola Muschitello, Mino Petazzini e Roberto Roversi. Conosco personalmente due figli degli indimenticabili mamma Velia e papà Salvatore: Aurora e Gennaro Lauro continuatore della Memoria delle Vittime della Stage di Bologna del 1980. Sono onorato di poter commemorare, nel condiviso sentimento comunitario, quelle vittime innocenti, con il Sindaco di Brusciano, Avv. Giuseppe Montanile, e l’Architetto Luigi Romano, a Bologna il 2 Agosto 2020, insieme all’Italia tutta».

Fra le cerimonie previste ci sarà l’intitolazione della stazione alla strage, si chiamerà «Bologna Centrale-2 agosto 1980»

IESUS-Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali-Brusciano NA

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa