Camera chiara

Dobbiamo abbandonare l’idea che la fotografia sia fatta esclusivamente di acidi, reazioni chimiche e odoranti camere oscure, infatti, la digitalizzazione del processo meccanico sta diventando dominante, in particolar modo in campo artistico, aprendo la strada a infinite varianti sia dal punto di vista tecnico, che dal punto di vista del soggetto/oggetto della foto.
Milano, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura) Aqua Aura - Giacomo Costa - Gohar Dashti - Me Nè - Nicolò Quirico - Jalal Sepehr - Sandy Skoglund
In mostra le opere di sette autori che hanno fatto della fotografia il punto di partenza per lo sviluppo delle loro ricerche, gli artisti di Camera chiara, piccola compagine internazionale, sono accomunati dall’operato di pre e/o post produzione quale scelta stilistica intrinseca nella loro estetica.
La camera chiara (o lucida) era uno strumento che permetteva di disegnare in maniera meticolosa, utilizzando un prisma che riusciva a proiettare sulla superficie designata i dettagli fondamentali della scena. Questo strumento dell’800 può essere visto, in parte, quale antesignano del computer che permette ai creatori di oggi di proiettare, manipolare e reinterpretare le immagini.
Dobbiamo abbandonare l’idea che la fotografia sia fatta esclusivamente di acidi, reazioni chimiche e odoranti camere oscure, infatti, la digitalizzazione del processo meccanico sta diventando dominante, in particolar modo in campo artistico, aprendo la strada a infinite varianti sia dal punto di vista tecnico, che dal punto di vista del soggetto/oggetto della foto - chiamato Spectrum nel saggio “La camera chiara” di R. Barthes pubblicato nel 1980. I soggetti o le scene, pur essendo diversi per ogni autore di questo gruppo, sono ugualmente atti a interpretare, analizzare, ipotizzare, anticipare e, a volte, fantasticare sull’attuale momento storico, scaturendo così una comprensione (Punctum - sempre secondo R. Barthes) atta a rompere e a travalicare i nostri meccanismi mentali e i nostri preconcetti
Camera chiara
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Costantini Art Gallery
 Costantini Art Gallery (Leggi tutti i comunicati)
Via Crema 8
20135 Milano Italia
costantiniartgallery@gmail.com
FABRIANO, AL TEATRO GENTILE RESIDENZA DI ALLESTIMENTO PER "CAMERA CON VISTA"  -  Il Teatro Gentile di Fabriano si conferma luogo amato dagli artisti che lo scelgono per gli allestimenti dei loro spettacoli. In questi giorni ad “abitare” questo spazio di grande fascino sono Benedicta Boccoli, Selvaggia Quattrini e Stefano Artissunch…
Altea Federation e il punto di vista di Enza Fumarola, nuovo Chief Customer Officer  -  Una carriera di successo nell’Information Technology, importanti esperienze di caratura internazionale e una profonda conoscenza del mercato e delle sue dinamiche, il tutto al servizio dei clienti. Enza Fumarola entra in forza ad Altea Federation come Chief Customer…
Quella riabilitazione che salva la vista; Italia punto di riferimento su scala mondiale  -  Oltre 60 esperti internazionali si sono incontrati a Roma: l’occasione è data dalla prima conferenza internazionale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sulla riabilitazione visiva, promossa dal Polo Nazionale di Servizi e Ricerca per la Prevenzione…
UNA GUIDA PER CAPIRE IL DIBATTITO SUL GENDER DA UN PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO  -  “GENDER: che cos’è e cosa non è”, redatto da tre esperti di SIPSIS (Federico Ferrari, Enrico M. Ragaglia e Paolo Rigliano) e illustrato da Mattia Marini, si articola in una serie di semplici domande (da “Femmine e maschi sono diversi” a “Che cosa sono gli studi di…
Anna Fata: un punto di vista innovativo sul tema dell'identità digitale Anna Fata: un punto di vista innovativo sul tema dell'identità digitale  -  Tutti, consapevolmente o meno, abbiamo un’identità, un personal branding, cioè un “marchio” che sancisce il nostro essere e fare, i nostri talenti, risorse, unicità che ci distinguono dagli altri, nella vita privata e nel lavoro. Il personal branding è anche e soprattutto…
Loading....