Coriano (RN), Maria Paiato al Teatro CorTe con L’avvelenatrice di Éric-Emmanuel Schmitt

Sabato 15 gennaio 2022 (ore 21,15)
Bologna, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura)

 

Teatro CorTe | Coriano (RN)

Seconda parte di stagione teatrale a Coriano e a salire sul palcoscenico del Teatro CorTe di Coriano sarà Maria Paiato sabato 15 gennaio 2022 (ore 21,15) che porterà in scena L’avvelenatrice di Éric-Emmanuel Schmitt. 

 

L’AVVELENATRICE

 Una “fiaba” perché della favola ha il carattere di insegnamento e la struttura di parabola che concede la redenzione. Ma nelle corde teatrali dell’attrice, questa storia si trasforma in una partitura infinita di coloriture interpretative, e diventa un’altra figura femminile aggiunta alla sterminata galleria di donne, composta in tanti anni di teatro, a confronto con autori come Brecht o Ruccello, Testori o Bernhard.

«Attenti, c’è l’avvelenatrice!». Il gruppetto si bloccò di colpo, come una mano che si chiude. Tutti i bambini, trattenendo il respiro per spaventarsi ancora di più, corsero a nascondersi in fondo al lavatoio, sotto il ripiano in pietra, in un angolo fresco e ombroso da cui potevano vedere senza essere visti”. È l’incipit del racconto “L’avvelenatrice” dello scrittore franco-belga Éric-Emmanuel Schmitt, tratto dalla raccolta “Concerto in memoria di un angelo”, vincitore del premio letterario francese Prix Goncourt. È la storia di una diabolica donna, Marie Maurestier, ormai settantenne, dalla nomea di assassina, per aver avvelenato tre mariti benestanti vent’anni orsono. La Giustizia si è dovuta arrendere e Marie passa la sua vita ostentando spavalderia nella piccola comunità di Saint Sorlin en Bugey, fino a quando, invaghita ossessivamente del giovane Gabriel, nuovo prete del paese, si risveglia la sua energia vivificatrice. Decisa a raggiungere l’obiettivo, costruisce una trappola, giocando da vera maestra le armi dell’affabulazione e stringe d’assedio l’incauto prete con la lentezza, la pazienza e la concentrazione di un velenosissimo ragno.

Note

È una favola come tale l’ho trattata – spiega Maria Paiato - sfruttando le sue innumerevoli possibilità di paura, di suspense, di comicità, di ironia, di musicalità. Il mio intento, il mio gusto è stato quello di fare come Marie: costruirvi intorno una tela magica, una trappola per farvi cadere nelle mie braccia di ragno. Ma tranquilli. Il mio è solo un gioco. Però per giocare si deve far sul serio.

 

Ingresso: platea € 13.00, galleria € 8.00

riduzione di € 2 per under 25 over 65 anni

Prevendite online: www.liveticket.it/teatrocortecoriano

Per informazioni e prenotazioni tel. 329 9461660

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa