Wiki Science Competition: avvicinare la scienza al maggior numero di persone

Matteo Gelardi 1° premio per la sezione video in Italia.
Pisa, (informazione.it - comunicati stampa - scienza e tecnologia) La scuola Normale di Pisa ospita, venerdì 23 marzo, la cerimonia di premiazione della Wiki Science Competition che assegna un riconoscimento agli autori italiani dei migliori scatti e dei video scientifici caricati sulla piattaforma Wikimedia per il concorso “Wiki Science Competition”, promosso da Wikipedia in tutto il mondo con l’obiettivo di avvicinare ai temi scientifici il maggior numero di persone.
Partecipano alla cerimonia il Direttore della Normale, Vincenzo Barone e il responsabile di TuttoScienze, Gabriele Beccaria. Nel nostro paese sono oltre 800 le persone che hanno partecipato tra novembre e dicembre dello scorso anno, e ora immagini e video sono a disposizione di tutti, utilizzabili citando l’autore della foto. Alcune delle immagini verranno inoltre esposte in Sala Azzurra, dando vita a una esposizione temporanea che sarà visibile durante e dopo la premiazione. Nel pomeriggio seguirà a partire dalle ore 15 un simposio sul ruolo dei formati multimediali nel campo della divulgazione scientifica, coordinato dal chimico Alessandro Marchetti e dal giornalista Alessandro D’Imporzano.
Matteo Gelardi, otorinolaringoiatra e citologo nasale del Policlinico di Bari e divulgatore scientifico per passione, sarà premiato nella categoria “Non-photographic media” presentando un video scientifico sul movimento delle cellule ciliate della mucosa nasale.
“Wiki Science Competition”, il più grande concorso internazionale di fotografie e video a carattere scientifico, organizzato dalla comunità wikimedia; nato nel 2006 in Estonia oggi arrivato anche in Cina, ha la finalità di divulgare la scienza e rendere disponibili al mondo intero immagini e video scientifici di grande bellezza, impatto e interesse.
La competizione, a cadenza biennale, vede la partecipazione di migliaia di scienziati di tutto il mondo. I migliori contributi video-fotografici vengono selezionati da una giuria internazionale composta da scienziati provenienti dalle più accreditate università, tra queste la “Scuola Normale Superiore” di Pisa, riconosciuta essere tra le più prestigiose università a livello mondiale.
Matteo Gelardi sarà premiato, assieme ai vincitori delle altre categorie messe a concorso (People in science; Microscopy images; Image sets; General category) nella Sala Azzurra della Scuola Superiore Normale di Pisa, la stessa che ha visto passare illustri scienziati e Nobel della storia italiana e straniera.
Al termine della premiazione, Gelardi terrà una lettura sul valore delle immagini nella comunicazione scientifica intitolata “Art&Science: Scienza, Arte e…Spettacolo”.
Ma non è tutto: i vincitori italiani, si contenderanno, nelle specifiche categorie, con i vincitori delle altre nazioni, il titolo mondiale “Wiki Science Competition 2017”. Non resta che augurare un grande in bocca al lupo ai nostri scienziati!
Matteo Gelardi, oltre a svolgere il ruolo di medico-ricercatore, è anche un divulgatore scientifico. Di grande successo sono i suoi “Art&Science”, spettacoli di cui è ideatore e regista, che da alcuni anni porta in scena nei teatri italiani, compreso il Petruzzelli di Bari. Una “performance live” che vede sul palco, come primi attori, cellule e scienziati provenienti da campi d’azione diversi - medici, astrofisici, biologi molecolari - che discutono senza confini e senza limiti di appartenenza ai propri settori con critici d’arte, musicisti, coreografi, scrittori, stilisti di moda. Uno spettacolo unico nel suo genere, che ogni anno parte da uno dei tanti scatti fotografici delle cellule catturati da Gelardi al microscopio. Immagini incredibilmente colorate, suggestive che svelano la poesia del corpo umano e possono essere assimilabili ad opere d’arte e diventano - una dopo l’altra - il vero filo conduttore dell’intero spettacolo, trasformandosi in quadri, abiti, danze e musica.
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Allegati
Non disponibili