La Italfimet di Monte San Savino in fiera a Mumbai e Dubai

La Italfimet di Monte San Savino in fiera a Mumbai e Dubai. L’azienda, punto di riferimento mondiale nello sviluppo di processi galvanici per i settori di moda e oro, entra nel vivo della propria stagione fieristica con la contemporanea partecipazione al JMAIIE nella metropoli indiana da venerdì 10 a lunedì 13 febbraio e al JGT al Dubai World Trade Centre da domenica 12 a martedì 14 febbraio dove potrà vivere occasioni di incontro e di confronto con operatori provenienti da ogni continente.
Monte San Savino, (informazione.it - comunicati stampa - industria)

La Italfimet di Monte San Savino in fiera a Mumbai e Dubai. L’azienda, punto di riferimento mondiale nello sviluppo di processi galvanici per i settori di moda e oro, entra nel vivo della propria stagione fieristica con la contemporanea partecipazione al JMAIIE nella metropoli indiana da venerdì 10 a lunedì 13 febbraio e al JGT al Dubai World Trade Centre da domenica 12 a martedì 14 febbraio dove potrà vivere occasioni di incontro e di confronto con operatori provenienti da ogni continente. Fondata nel 1992 e forte di circa cinquanta dipendenti, questa realtà sfrutterà i due eventi internazionali per presentare le più recenti frontiere nella produzione di impianti galvanici e di processi chimici per la galvanica destinati soprattutto ai comparti del lusso, della gioielleria e dell’alta moda.

Gli stand allestiti nelle due fiere a Mumbai e Dubai dedicheranno un particolare risalto all’esposizione dei macchinari per i processi di elettroformatura, la tecnica galvanica utilizzata per creare gioielli ultraleggeri in oro o argento dalle forme più fantasiose. Italfimet è tra le realtà maggiormente dinamiche di questo particolare settore in virtù di un’organizzazione interna che, facendo affidamento sulla stretta sinergia tra il reparto tecnico-ingegneristico e il laboratorio chimico, favorisce lo sviluppo di processi capaci di adattarsi alle diverse richieste del mercato e di impianti innovativi anche in termini di ecosostenibilità e economia circolare. I due appuntamenti fieristici, seguiti dopo poche settimane dalla trasferta all’Istanbul Jewerly Show al via dal 16 marzo, permetteranno di presentare questa attività attraverso una serie di incontri volti a consolidare la rete commerciale nei mercati del Medio Oriente e a sviluppare nuove relazioni nel Sud Est Asiatico.

«Il 2022 è stato un anno particolarmente entusiasmante per i settori dell’oro e della moda - ribadisce Diego Liberatori, responsabile dell’ufficio tecnico e commerciale estero, - e l’inizio del 2023, come confermato da VicenzaOro, è altrettanto positivo a testimonianza di una forte rinascita post-Covid, con una crescita che ha riguardato le aziende che producono il livello finito e le aziende specializzate in macchinari e processi chimici. Partiamo dunque con forte fiducia verso Mumbai e Dubai dove presenteremo le nostre più recenti innovazioni in ambito galvanico attraverso processi volti, ad esempio, a eliminare il nichel dalle leghe dei beni preziosi e a ottenere nuove colorazioni in virtù dell’unione tra diversi metalli».

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr