ESENZIONE IVA PER GLI OSTEOPATI ESCLUSIVI

La recente sentenza Corte di Giustizia U.E. del 27 giugno 2019 fa chiarezza in tema di sperequazione fiscale tra professionisti sanitari non ancora regolamentati e già regolamentati.
COMO, (informazione.it - comunicati stampa - politica e istituzioni)
Finalità dell’Associazione Degli Osteopati Esclusivi (ADOE) è la rappresentanza degli osteopati titolari di una certificazione di studio legalmente riconosciuta, ovvero attestanti la frequenza di corsi in Medicina osteopatica autorizzati dalle Autorità competenti in Italia e all’estero.

In qualità di rappresentanti della stessa categoria, sosteniamo il principio della neutralità fiscale affinché prestazioni simili in concorrenza tra loro ricevano un trattamento analogo ai fini IVA. E’ il caso della Terapia Manuale Osteopatica (OMth) resa in Italia sia dai professionisti sanitari in regime di esenzione IVA che dagli osteopati esclusivi, a loro volta obbligati al versamento dell’aliquota al 22%, non essendo ancora stato completato l’iter legislativo per la regolamentazione della loro professione ai sensi della legge 3/2018.

La recente sentenza della Corte di Giustizia europea, pubblicata il 27 giugno u.s. in relazione alla causa C-597/17, si è chiaramente espressa a favore di questo principio nel riferimento ai professionisti non ancora regolamentati, ma con evidenza di qualifica professionale (Cfr.).

Nell’ottemperare ai doveri verso i propri soci, l’ADOE intende richiedere fin d’ora l’applicazione di questo principio mediante l’attuazione di efficaci misure per l’accertamento delle qualifiche professionali degli osteopati, affinché anche in Italia possano identificarsi tra questi coloro che possano eventualmente effettuare prestazioni in esenzione IVA. Al riferimento, non pare superfluo sottolineare che molti degli operatori rappresentati abbiano conseguito il loro titolo di studio in Paesi UE in cui proprio per le stesse qualifiche è riservata l’esenzione dal versamento dell’aliquota.

Si auspica, cioè, che ai sensi della sentenza n. 8145/2019 della Corte di Cassazione possa prevedersi nel breve termine un Regolamento di attuazione in favore di osteopati e chiropratici con competenze certificate, in recepimento della Sentenza della Corte di Giustizia europea. A fondamentale beneficio delle utenze, la stessa regolamentazione potrebbe altresì sostenere il completamento dell’iter legislativo per l’istituzione delle nuove professioni della salute nel riferimento ai parametri pedagogici e professionali di migliore livello qualitativo e quantitativo.

Luigi CIULLO / Presidente ADOE
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Contatto
Luigi CIULLO
ADOE
VIALE INNOCENZO XI, 70
22100 COMO (Como) Italia
info@adoe.it
031.275027
Ufficio Stampa
Roberta Filipazzi
ASSOCIAZIONE DEGLI OSTEOPATI ESCLUSIVI
VIALE INNOCENZO XI, 70
22100 Como Italia
info@adoe.it
031275027