Janssen riceve l’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata per amivantamab, primo trattamento per tumore al polmone non a piccole cellule avanzato EGFR-mutato con inserzione dell’esone 20

L’autorizzazione si basa sui risultati dello studio di fase 1 CHRYSALIS che ha valutato amivantamab in monoterapia in pazienti precedentemente trattati con terapia a base di platino1,2,3
Cologno Monzese, (informazione.it - comunicati stampa - salute e benessere)

 Janssen, azienda farmaceutica del gruppo Johnson & Johnson, ha annunciato oggi l’ottenimento dell'autorizzazione all’immissione in commercio condizionata per amivantamab nel trattamento di adulti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) avanzato, caratterizzato da inserzione dell'esone 20 attivante di EGFR, dopo il fallimento di terapia a base di platino.1 Amivantamab è il primo trattamento in assoluto approvato nell'Unione Europea per questa specifica neoplasia.1,2,4

L’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata consiste nell’approvazione di un farmaco, che risponda a necessità dei pazienti non ancora soddisfatte, sulla base di dati meno completi di quanto normalmente richiesto, laddove il beneficio derivante dalla disponibilità immediata del farmaco ne superi il rischio. Il richiedente l’autorizzazione fornirà dati clinici maggiormente esaustivi in momenti successivi.7

"I pazienti affetti da NSCLC con mutazioni di inserzione dell’esone 20 di EGFR dispongono di poche opzioni terapeutiche, sia in numero sia in efficacia.5 La decisione della Commissione Europea rappresenta un traguardo importante perché riconosce che amivantamab sia un nuovo tipo di trattamento, specificatamente rivolto a pazienti con tumore al polmone che presentino questa tipologia di alterazioni” ha commentato Antonio Passaro, oncologo medico della Divisione di Oncologia toracico dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano.†

L’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata si basa sullo studio di fase 1 CHRYSALIS, uno studio clinico multicentrico, in aperto, che ha valutato amivantamab in monoterapia in pazienti precedentemente trattati con terapia a base di platino, e che ha dimostrato la sua efficacia e un profilo di sicurezza generalmente ben tollerato.‡4,6 Il tasso di risposta complessiva valutata dagli sperimentatori, osservata nello studio, è stata pari al 37 per cento (95% CI, 28% - 46%), con una durata mediana complessiva della risposta pari a 12,5 mesi (95% CI, 6,5 – 16,1) e il 64 per cento dei pazienti ha mostrato una durata della risposta pari o superiore a 6 mesi.4 Tali risultati sono coerenti con quelli riportati dalla valutazione Blinded Independent Central Review (BICR), che hanno presentato un tasso di risposta pari al 43 per cento (34% - 53%), con una durata mediana di risposta pari a 10,8 mesi (95% CI, 6,9 – 15,0) e il 55 per cento dei pazienti con una durata della risposta pari o superiore a 6 mesi.4

Le analisi hanno dimostrato, nei pazienti trattati con amivantamab, una sopravvivenza mediana libera da progressione (tempo trascorso senza progressione o morte) di 8,3 mesi (95% CI, 6,5 – 10,9) e una sopravvivenza globale mediana 22,8 mesi (95% CI, 14,6 – non raggiunto).6

Gli eventi avversi più comuni (AE) di ogni grado hanno incluso rash (76 per cento), reazioni legate all’infusione (67 per cento) e paronichia (47 per cento), prevalentemente di grado 1-2.4 Le interruzioni dovute a eventi avversi sono state osservate nel 3 per cento dei pazienti.4 Il 99 per cento delle reazioni correlate all’infusione (IRR) si è verificato con le prime infusioni e raramente ha influito sulla possibilità di continuare i trattamenti successivi (1,1% ha portato all’interruzione del trattamento).4

L’autorizzazione all’immissione in commercio risponde al bisogno, ancora insoddisfatto, di offrire, per la prima volta in Europa, ai pazienti e al personale sanitario una nuova opzione terapeutica per questo tipo di tumore. Si tratta di un passo importante verso il nostro obiettivo di fornire terapie innovative che trasformino il decorso del tumore al polmone”, ha commentato Peter Lebowitz, M.D., Ph.D, Global Therapeutic Area Head Oncology, Janssen Research & Development,  LCC.

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense aveva già approvato a maggio 2021 amivantamab per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) localmente avanzato o metastatico con inserzione dell'esone 20 attivante di EGFR nei quali la malattia fosse progredita con o dopo chemioterapia a base di platino.8 Ulteriori richieste di approvazione sono state presentate e sono in fase di revisione anche presso altri enti regolatori in tutto il mondo.

Ci stiamo impegnando a cambiare il modo di assistere i pazienti oncologici”, ha commentato Mathai Mammen, M.D., Ph.D, Global Head, Janssen Research & Development, Johnson & Johson. “In Janssen, lavoriamo per trasformare gli esiti a lungo termine dei pazienti e migliorare la loro qualità di vita grazie alla giusta terapia, nel momento giusto.” 

### 

† Il Dr. Passaro è stato remunerato per attività di consulenza scientifica e di ricerca in favore di Janssen, ma non ha ricevuto alcun compenso per attività con la stampa.

‡ I risultati riportati nel riassunto delle caratteristiche del prodotto derivano da 114 pazienti con un follow up mediano pari a 12,5 mesi.4 I risultati riportati in Park et al fanno riferimento a 81 pazienti con un follow up mediano pari a 9,7 mesi.6 Non tutti gli endpoint di efficacia sono stati riportati nel riassunto delle caratteristiche del prodotto.

Amivantamab

Amivantamab è un anticorpo bispecifico EGFR-MET completamente umano con attività mediata da immunità cellulare che agisce sulle mutazioni attivanti e di resistenza di EGFR e sulle vie di attivazione di MET, approvato per pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) avanzato EGFR-mutato con inserzione dell’esone 20, in seguito al fallimento della terapia a base di platino.1,9,10,11,12 Amivantamab è in fase di sperimentazione in diversi studi clinici, tra cui:13

  • lo studio di fase 1/1b CHYSALIS-2 (NCT04077463) che valuta sia la combinazione di amivantamab e lazertinib in pazienti il cui tumore è progredito dopo il trattamento con osimertinib e chemioterapia sia lazertinib in monoterapia14
  • lo studio di fase 3 MARIPOSA (NCT04487080) che valuta la terapia di prima linea con amivantamab in combinazione con lazertinib, un nuovo inibitore delle tirosin-chinasi (TKI) EGFR di terza generazione vs osimertinib in pazienti e vs lazertinib con NSCLC avanzato EGFR-mutato non trattato15
  • lo studio di fase 3 MARIPOSA-2 (NCT04988295) che valuta l'efficacia di lazertinib, amivantamab e carboplatino-pemetrexed vs carboplatino-pemetrexed in pazienti con NSCLC localmente avanzato o metastatico EGFR-mutato con delezione dell’esone 19 o sostituzione L858R nell’esone 21 dopo fallimento di osimertinib 16
  • lo studio di fase 3 PAPILLON (NCT04538664) che valuta l'amivantamab in combinazione con carboplatino-pemetrexed rispetto alla sola chemioterapia in pazienti con NSCLC avanzato o metastatico EGFR-mutato con mutazioni a livello di inserzione dell'esone 2017
  • lo studio di fase 1 PALOMA (NCT04606381) che valuta la fattibilità della somministrazione sottocutanea (SC) di amivantamab sulla base della sicurezza e della farmacocinetica e per la determinazione di una dose, un regime di dose e una formulazione per la somministrazione di amivantamab SC con l'obiettivo di trovare soluzioni efficaci che abbiano un impatto positivo sulla gestione dei pazienti.18

Lo studio CHRYSALIS

CHRYSALIS (NCT02609776) è uno studio di fase 1 in aperto, multicentrico e il primo sull’uomo per valutare la sicurezza, la farmacocinetica e l'efficacia preliminare di amivantamab come monoterapia, in combinazione con lazertinib e in combinazione con chemioterapia a base di platino, in pazienti con NSCLC avanzato con varie mutazioni di EGFR.3 Nello studio, gli sperimentatori hanno valutato l’efficacia mediante il tasso di risposta globale (ORR) secondo i Response Evaluation Criteria in Solid Tumours Version 1.1* (RECIST v1.1), il tasso di beneficio clinico, la durata mediana della risposta (DOR) e la sopravvivenza mediana libera da progressione (PFS), oltre al profilo di sicurezza di amivantamab.3,19 

Lo studio arruolerà 780 pazienti con NSCLC avanzato. Lo studio consiste in due parti: somministrazione di amivantamab in monoterapia con un incremento graduale della dose di combinazione, e amivantamab in monoterapia con espansione della dose di combinazione.3

La prima coorte di pazienti ha ricevuto infusioni endovenose di amivantamab come monoterapia.3

*RECIST (versione 1.1) si riferisce a Response Evaluation Criteria in Solid Tumours, che è un modo standard per misurare la risposta dei tumori solidi al trattamento e si basa sul fatto che i tumori si riducono, rimangono uguali o aumentano di dimensioni.3

Carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC)

In Europa, si stima che 477.534 pazienti abbiano avuto una diagnosi di tumore al polmone nel 2020, con circa l'85 per cento di NSCLC.20,21 Il carcinoma polmonare è il tumore che provoca più morti nel continente, anche rispetto a quanti ne siano causati da carcinoma mammario e carcinoma prostatico insieme.20

I principali sottotipi di NSCLC sono adenocarcinoma, carcinoma a cellule squamose e carcinoma a grandi cellule.21 Tra le mutazioni più comuni nel NSCLC vi sono quelle del gene codificante per il recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR), un recettore tirosin-chinasico che aiuta le cellule a proliferare e a dividersi.22 Le mutazioni dell’EGFR sono presenti nel 16-19 per cento dei pazienti caucasici con NSCLC e presenti nel 37-41 per cento dei pazienti asiatici.23 Il tasso di sopravvivenza a cinque anni per tutte le persone con NSCLC metastatico e mutazioni EGFR che sono trattati con EGFR TKIs è inferiore al 20 per cento.24 I pazienti con mutazioni dell'inserzione dell'esone 20 di EGFR hanno una sopravvivenza complessiva (OS) a cinque anni nel mondo reale dell'8 per cento nel setting di prima linea, che è peggiore dei pazienti con delezioni dell'esone 19 di EGFR o mutazioni L858R, che hanno una OS a cinque anni nel mondo reale del 19 per cento.25

Janssen

In Janssen stiamo lavorando ad un futuro in cui le malattie siano un ricordo del passato. Siamo l’azienda farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson e lavoriamo instancabilmente per rendere quel futuro una realtà per i pazienti di tutto il mondo, combattendo la malattia con la scienza, migliorando l'accesso con l'ingegno e curando la sofferenza. Ci concentriamo su sei aree chiave della salute globale dove possiamo fare la differenza: immunologia, malattie infettive e vaccini, neuroscienze, oncologia-ematologia, malattie cardiovascolari e metaboliche, e ipertensione arteriosa polmonare.

Per saperne di più visitate il sito www.janssen.com/italy e seguiteci su @JanssenITA

 

###

 

Cautions Concerning Forward-Looking Statements

This press release contains "forward-looking statements" as defined in the Private Securities Litigation Reform Act of 1995 regarding amivantamab and lazertinib. The reader is cautioned not to rely on these forward-looking statements. These statements are based on current expectations of future events. If underlying assumptions prove inaccurate or known or unknown risks or uncertainties materialise, actual results could vary materially from the expectations and projections of Janssen Research & Development, LLC any of the other Janssen Pharmaceutical Companies, and/or Johnson & Johnson. Risks and uncertainties include, but are not limited to: challenges and uncertainties inherent in product research and development, including the uncertainty of clinical success and of obtaining regulatory approvals; uncertainty of commercial success; manufacturing difficulties and delays; competition, including technological advances, new products and patents attained by competitors; challenges to patents; product efficacy or safety concerns resulting in product recalls or regulatory action; changes in behavior and spending patterns of purchasers of health care products and services; changes to applicable laws and regulations, including global health care reforms; and trends toward health care cost containment. A further list and descriptions of these risks, uncertainties and other factors can be found in Johnson & Johnson's Annual Report on Form 10-K for the fiscal year ended January 3, 2021, including in the sections captioned “Cautionary Note Regarding Forward-Looking Statements” and “Item 1A. Risk Factors,” and in the company’s most recently filed Quarterly Report on Form 10-Q, and the company’s subsequent filings with the Securities and Exchange Commission. Copies of these filings are available online at www.sec.gov, www.jnj.com or on request from Johnson & Johnson. None of the Janssen Pharmaceutical Companies nor Johnson & Johnson undertakes to update any forward-looking statement as a result of new information or future events or developments.

###

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Allegati
Non disponibili