"Basta con le raccomandazioni e con i 'figli di papà' assunti negli ospedali o all'università. Si torni a valutare il merito".

Tanti, troppi giovani preparati sono costretti ad emigrare all'estero per poter vedere riconosciuti i loro titoli accademici e le loro professionalità.
Roma, (informazione.it - comunicati stampa - politica e istituzioni)

"L'Italia non è un Paese nel quale vige la meritocrazia. E nel corso dei decenni nessuno si è impegnato concretamente per debellare questo fenomeno che costringe molti dei nostri giovani, preparati e professionalmente validi, ad emigrare all'estero per poter vedere riconosciuti i loro titoli accademici e le loro professionalità. Assegnare un ruolo in ospedale o all'interno dell'università al solito 'figlio di papà' o 'nipote dello zio' è quanto di più indecoroso e inammissibile un paese democratico possa riservare per il futuro delle proprie generazioni. Affinchè l’Italia possa avere una spinta propulsiva nella sua economia del lavoro vi è la necessità di sradicare dalla base le cosiddette ‘parentopoli’ rendendole di fatto un reato perseguibile a norma di legge. Un impegno ed un dovere imprescindibile per un Paese proiettato al futuro piuttosto che impantanato nel passato

Lo afferma in una nota Italo Intino, Presidente del Centro Studi organizzativi del Prenestino

"Da un recente studio", spiega Intino, "in settori strategici del nostro Paese si registrano elevate percentuali di omonimia. Al fine di garantire la massima trasparenza nelle selezioni pubbliche auspico che le stesse possano essere effettuate da commissioni superpartes composte anche da membri provenienti da altri stati europei. Inoltre”, conclude Intino, “sarebbe opportuno anche riporre al centro dell’inserimento nel mercato del lavoro gli istituti selezionando negli stessi gli allievi che si contraddistinguono per i loro meriti accademici”.

"Basta con le raccomandazioni e con i 'figli di papà' assunti negli ospedali o all'università. Si torni a valutare il merito".
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Simone Roselli
 Giornalista freelance (Leggi tutti i comunicati)
00100 Roma
redazione.ottodue@gmail.com
Riparazione transcatetere della valvola tricuspide (TTVR): successo in uno studio di fattibilità che ha valutato il sistema TriCinch™ di 4TEch all'Ospedale San Raffaele di Milano Riparazione transcatetere della valvola tricuspide (TTVR): successo in uno studio di fattibilità che ha valutato il sistema TriCinch™ di 4TEch all'Ospedale San Raffaele di Milano  -  4Tech Inc. , che sta sviluppando il primo dispositivo transcatetere al mondo per la riparazione della valvola cardiaca tricuspide, TriCinch™ , ha annunciato in…
MUNICIPIO ROMA V. INTINO: TORNO AL SERVIZIO DEL MUNICIPIO CON SPIRITO DI ABNEGAZIONE, TRASPARENZA E PROFESSIONALITA’  -  “Torno al servizio del Consiglio municipale Roma V e lo faccio con il mio solito spirito di abnegazione, trasparenza, professionalità. Il mio è un atto d’Amore nei confronti di questo territorio, nel rispetto dell’elettorato che…
Parigi e Praga ospiteranno gli eventi di CES Unveiled all'estero per il 2016 Parigi e Praga ospiteranno gli eventi di CES Unveiled all'estero per il 2016  -  Oggi la Consumer Technology Association (CTA)™, che in precedenza operava con il nome di Consumer Electronics Association (CEA)®, ha annunciato il ritorno della serie di eventi CES Unveiled in Francia, per il quarto appuntamento consecutivo con CES Unveiled Paris , e…
I romeni residenti all'estero usufruiscono del nuovo servizio di trasferimento Cash-to-Mobile  -  Foto: Per mezzo del nuovo servizio, i clienti di MoneyGram hanno la possibilità di effettuare rimesse dall'estero agli utenti di Vodafone Romania in pochi minuti e in modo sicuro. Tutti i clienti di Vodafone in Romania , sia prepagati sia con…
Crown World Mobility pubblica l‘articolo „5 consigli per dirigenti donne con incarichi all'estero” Crown World Mobility pubblica l‘articolo „5 consigli per dirigenti donne con incarichi all'estero”  -  Crown World Mobility ha pubblicato l’articolo “Cinque consigli per aumentare il numero e sostenere le donne che sono all’estero per motivi di lavoro.” Studi di settore mostrano che le lavoratrici trasferite all’estero rappresentano solo meno del 5%…
Loading....