La Commissione europea chiude il procedimento contro i casinò online

I trattati e le leggi della Commissione europea hanno valore solo se c'è anche qualcuno che li fa rispettare, in modo che tutte le parti interessate li rispettino veramente.
Italia, (informazione.it - comunicati stampa - economia)

Tuttavia, la Commissione europea ha ora annunciato che chiuderà tutte le procedure pilota e le procedure d'infrazione relative ai casinò online e al gioco d'azzardo su Internet in generale, con effetto immediato. Ciò riguarda anche il Trattato di Stato tedesco sul gioco d'azzardo, che è già stato più volte criticato dalla Commissione europea per il suo contenuto e le sue norme in parte contrarie al diritto europeo. Ciò significa anche che il governo tedesco ha abbandonato la procedura pilota che aveva avviato, la fase preliminare della procedura d'infrazione.

In futuro la Commissione europea deferirà tutte le questioni relative ai casinò online alla Corte di giustizia europea.

Nel 2012 la Commissione Europea, in qualità di custode del mercato interno, ha annunciato che avrebbe sostenuto un approccio uniforme alla regolamentazione dei casinò online e del gioco d'azzardo su Internet. Nell'ambito della libera prestazione di servizi all'interno dell'UE, gli Stati membri dovrebbero migliorare i loro mercati del gioco d'azzardo. L'offerta transfrontaliera di casinò online, scommesse sportive e lotterie è stata al centro dell'attenzione. La Commissione europea ha esaminato se le ragioni addotte dagli Stati membri per la chiusura dei propri mercati del gioco d'azzardo fossero giustificate. Nel caso della Germania, ad esempio, è giunta alla conclusione che ciò non è giustificato perché i fornitori pubblici stanno lanciando sul mercato nuovi prodotti e pubblicizzando essi stessi il gioco d'azzardo. Così facendo, la Germania viola il proprio trattato di Stato sul gioco d'azzardo, i cui obiettivi principali sono la lotta contro la dipendenza dal gioco d'azzardo e l'incanalamento della naturale voglia di giocare d'azzardo. Finora, gli operatori di casinò online svantaggiati o di scommesse sportive autorizzati da uno Stato membro potevano rivolgersi alla Commissione europea se si consideravano svantaggiati. Tuttavia, con la decisione ora presa, tutte le procedure pilota e di infrazione sono state abbandonate e la pressione maggiore è stata esercitata sui governi nazionali.

Attualmente, il Trattato di Stato tedesco sul gioco d'azzardo pone enormi problemi, sia nel campo delle scommesse sportive online che delle lotterie. In entrambi i casi, la legge è stata certificata da diversi tribunali come non compatibile con il diritto comunitario applicabile. Nel caso dei casinò online come quelli presentati su casinogiochi.net, che si stanno sviluppando a un ritmo esponenziale in Europa, è ancora peggio, perché qui non c'è nemmeno un atteggiamento uniforme degli stati federali.

Rivolgendosi alla Corte di giustizia europea per tutti i problemi derivanti dalle differenze nella legislazione sul gioco d'azzardo tra gli Stati membri e l'UE, la Commissione europea rende più facile il suo lavoro. D'ora in poi, tutte le controversie dovranno essere decise in ultima istanza davanti al massimo organo giudiziario. Perché la Commissione europea si affida ora in primo luogo alla saggezza dei tribunali nazionali di uno Stato membro. E qui è già emerso in più occasioni in Germania che i tribunali tedeschi non sempre seguono la migliore legislazione europea nella loro valutazione. Di conseguenza, qualsiasi controversia rischia di finire alla Corte di giustizia europea, dove non è raro che ci siano lunghi periodi di attesa di diversi anni per una sentenza. La cosa peggiore di questa decisione della Commissione europea, tuttavia, è che arriva in un momento in cui non ci sono quasi segni di una nuova legge sul gioco d'azzardo in Germania. Lo Schleswig-Holstein vuole un nuovo trattato statale sul gioco d'azzardo, che dovrebbe includere anche le licenze per i casinò online in Germania. A tal fine, il governo statale, come i suoi colleghi della Renania settentrionale-Vestfalia, è disposto a non ratificare il secondo trattato statale sul gioco d'azzardo. Tuttavia, ciò significa anche che il cambiamento minimamente invasivo nella concessione di licenze ai fornitori di scommesse sportive non sarà attuato, come afferma l'Associazione tedesca di scommesse sportive nel suo comunicato stampa. E questi cambiamenti minimi sono stati apportati soprattutto perché la Commissione europea aveva minacciato di avviare una procedura d'infrazione e aveva esercitato pressioni. In questo contesto in Germania, e in considerazione delle innumerevoli controversie in corso sul tema dei casinò online in tutta Europa, la Commissione Europea sta ora rinunciando al suo ruolo di custode in questo settore. Così facendo, le signore e i signori di Bruxelles hanno reso un vero e proprio disservizio alla delicata semina di una vera regolamentazione e liberalizzazione dei mercati nazionali del gioco d'azzardo.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Beaupin Pauline
https://www.casinogiochi.net/
Italia
pauline.beaupin@gmail.com
0954500074
Allegati